lunedì 3 Ottobre 2022

Twitter paladino della democrazia a Paesi alterni: in India censura le proteste dei contadini

A differenza di quanto accaduto durante l’assalto a Capitol Hill, in cui Twitter si è eretto paladino della giustizia, in India il social network ha censurato, su richiesta del Governo, dozzine di account appartenenti ai contadini che da mesi protestano nel Paese. Tra coloro, i cui profili sono stati trattenuti per incitamento all’odio e alla violenza (motivazione usata per bloccare anche l’account di Trump), è compresa Caravan, un’agenzia di stampa che conduce giornalismo investigativo e che stava fornendo copertura delle proteste. L’account della testata è stato bloccato e poi riattivato. La censura ha interessato anche gli account di molti leader agricoli e sostenitori della protesta.

Un funzionario del governo ha comunicato che il ministero degli Interni indiano aveva chiesto la sospensione di “quasi 250 account”.  L’ordine è stato emesso contro chi utilizzava l’hashtag #modiplanningfarmersgenocide iniziato il 30 gennaio, per coordinare le proteste. Le leggi indiane sulla tecnologia dell’informazione autorizzano il governo a cercare di bloccare i contenuti online ritenuti incitanti a perturbare l’ordine pubblico.

Da più di due mesi decine di migliaia di agricoltori organizzano proteste contro il governo di Nuova Delhi, chiedendo il ritiro delle nuove leggi sull’agricoltura che liberalizzano i prezzi di vendita,  andando a creare – secondo le ragioni dei contadini in protesta – un sistema che favorisce l’enorme potere contrattuale dei grandi acquirenti privati ​​a discapito dei coltivatori.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI