lunedì 5 Dicembre 2022

Iran-Usa: prove di pace sul trattato nucleare

Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha chiesto all’Unione Europea di mediare con Washington per riportare pienamente in vigore l’accordo sul nucleare siglato nel 2015. La nuova amministrazione americana per ora risponde con cautela (“prima ci consulteremo con alleati e congresso poi potremo fare qualche proposta” secondo le parole del portavoce del Dipartimento di Stato americano, Ned Price) ma l’intenzione pare quella di cercare di riattivare l’accordo. Per ora c’è stallo su chi dovrebbe fare la prima mossa: l’Iran chiede che vengano rimosse le sanzioni e poi provvederà a fermare l’arricchimento dell’uranio, Biden ha già precisato che casomai il processo deve essere quello inverso, tuttavia sono dettagli superabili se ce ne sarà l’intenzione politica. Un nuovo accordo che tutti sembrano volere tranne Israele, il cui ministro agli Affari coloniali Tzachi Hanegbi ha dichiarato: “”Gli USA non attaccheranno mai gli stabilimenti nucleari in Iran. Israele deve decidere se accettare un Iran con il nucleare o agire in maniera indipendentemente per eliminare un tale pericolo”.

L’Accordo di Vienna , firmato da Teheran con le grandi potenze (Stati Uniti, Cina, Russia, Germania, Francia, Regno Unito) oltre che con l’UE, impegnava la Repubblica islamica a rinunciare al proposito di acquisire la bomba atomica, in cambio della revoca di tutte le sanzioni economiche. Un accordo nato sotto l’amministrazione Obama e dal quale Donald Trump uscì unilateralmente nel 2018.

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI