fbpx
giovedì 28 Ottobre 2021

GB, sentenza storica: riconosciuta per la prima volta una morte per inquinamento

In Inghilterra è stata riconosciuta per la prima volta una morte causata dall’inquinamento: Ella, una bambina di 9 anni deceduta a seguito di un attacco d’asma. La madre della piccola, Rosamund Addo-Kissi-Debrah, non si è mai rassegnata alla perizia del primo coroner che parlava di morte naturale. Così, a 7 anni dal decesso, il Southwark Coroner’s Court ha rilevato che Ella è stata esposta a livelli “eccessivi” di inquinamento atmosferico, il quale “ha dato un contributo materiale” alla morte della bimba. Nei 3 anni precedenti la sua scomparsa, infatti, aveva avuto più crisi epilettiche, ed era stata ricoverata in ospedale 27 volte.

Il medico legale ha affermato che i livelli di biossido di azoto (NO2) vicino alla casa della bimba avevano superato le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità e dell’Unione europea. La madre di Ella, Rosamund, aveva sempre lamentato di non essere stata adeguatamente allertata dalle autorità sui livelli di inquinamento dell’area in cui vivevano.

L’esperto britannico di inquinamento e rischi ambientali Stephen Holgate spera di far introdurre in tutti gli ospedali e gli ambulatori del Regno Unito una tabella dei rischi, con le informazioni sull’inquinamento atmosferico come quelle sul diabete, sul fumo e l’obesità. L’inquinamento uccide e già da troppo tempo. Le trasformazioni della massiccia industrializzazione ormai da due secoli hanno avvelenato la biosfera intaccandone gli equilibri millenari.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati