sabato 2 Luglio 2022

Il ritorno del bisonte europeo: era quasi estinto, ora ce ne sono seimila esemplari

Il bisonte europeo non è più una specie in via di estinzione. Lo ha annunciato l’IUCN, la più autorevole associazione per la conservazione della natura. Il numero di individui sta cominciando a crescere grazie a programmi di allevamento e di reintroduzione in habitat protetti, dopo essere quasi scomparso. Per questo l’unione ha ora aggiornato la propria classificazione dell’animale da “vulnerabile” a “quasi minacciata”. 

Agli inizi del Novecento, il Bison bonasus, una specie eurasiatica mediamente più alta del bisonte americano, poteva essere trovato soltanto in cattività. Dopo la Seconda guerra mondiale è iniziato il progetto di ripopolamento: nel 2000 erano 1800 gli esemplari allo stato selvatico. L’anno scorso, però, il numero ha raggiunto 6200 individui in 47 mandrie disseminate in foreste della Polonia, della Bielorussia e della Russia.


Se per il momento il bisonte europeo sembra salvo, la IUCN avverte che altri animali sono in grave pericolo. 31 specie sono elencate come estinte e tutti i delfini d’acqua dolce sono ora minacciati. Attualmente, un totale di 128.918 specie di animali fanno parte di questo elenco, tra cui 35.765 a rischio di estinzione. Stessa sorte anche per la flora: un terzo delle querce di tutto il pianeta e gli alberi di macadamia selvatica, a causa di insetti invasivi, malattie e cambiamento climatico rischiano di sparire. 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI