mercoledì 29 Giugno 2022

Nuovo Dpcm: ecco cosa si può fare a Natale

Ieri sera il premier Giuseppe Conte ha presentato il nuovo Dpcm, che a partire da oggi sarà valido per 50 giorni.

Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati tutti gli spostamenti da una regione all’altra, anche per raggiungere le seconde case. Il 25-26 dicembre e l’1 gennaio sono vietati gli spostamenti da un comune all’altro. Confermato a partire da oggi fino al 6 gennaio il coprifuoco dalle 22 alle 5 ed a Capodanno sarà esteso dalle 22 alle 7. Ci si potrà spostare solo per motivi di necessità: lavoro, salute, rientro nel proprio domicilio e assistenza a chi non è autosufficiente. Gli spostamenti proibiti vanno giustificati attraverso il modulo di autocertificazione, per certificarne la necessità, dove deve essere indicato il punto di partenza e quello di arrivo.

A Natale, Santo Stefano, Capodanno ed Epifania, nelle zone gialle, i ristoranti saranno aperti solo per il pranzo. Nelle zone rosse, invece, sarà consentito solamente il servizio d’asporto/domicilio. Il 31 dicembre gli alberghi saranno aperti ma con i ristoranti interni chiusi dalle 18; possibile solo il servizio in camera. Dal 4 dicembre al 6 gennaio i negozi saranno aperti fino alle 21, ma dal 4 al 15 dicembre l’apertura sarà consentita soltanto ai negozi d’alimentari, farmacie, para farmacie, tabacchi ed edicole. Dal 21 dicembre al 6 gennaio chiunque rientri in Italia dall’estero, dovrà rispettare il periodo di quarantena.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI