venerdì 1 Luglio 2022

Otto ragazzi su dieci trascorrono 2 mesi all’anno sui social network

Otto ragazzi su dieci, tra gli 11 e i 18 anni, trascorrono 2 mesi all’anno sui social network, cioè 4 ore al giorno. Il 52% di loro ha tentato di ridurre il tempo di permanenza sulle piattaforme, ma senza risultati e il 33% definisce l’utilizzo che fa dello smartphone “eccessivo”. Questo è quanto emerso dalla ricerca, condotta durante la pandemia, dall’Osservatorio scientifico della no profit ‘Social Warning-Movimento Etico Digitale’. Secondo lo studio, inoltre, i ragazzi sbloccano lo smartphone in media 120 volte al giorno per utilizzarlo ed un ragazzo su due dichiara che gli capita di rispondere male o alzare la voce se disturbato. Il 40% degli intervistati dichiara di perdere ore di sonno perché connesso, anche di notte, tramite smartphone, console o pc.

Per curare la dipendenza digitale, spiega Davide Dal Maso, fondatore della no profit autrice della ricerca, le soluzioni sono due: sviluppare consapevolezza e promuovere progetti di educazione digitale, che permettano spunti di riflessioni e azioni pratiche nelle famiglie (controllo del tempo di utilizzo, stabilire in casa delle ‘no smartphone zones’…). L’associazione, in 2 anni di lavoro e con 150 volontari, ha raggiunto oltre 35.000 ragazzi e 13.000 genitori, sensibilizzandoli sul tema.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI