fbpx
lunedì 27 Settembre 2021

Nonostante tutto, nel mondo continuano a diminuire i morti per terrorismo

Il Global Terrorism Index (GTI) del 2020 riporta questa settimana che le morti per terrorismo hanno raggiunto il picco nel 2014 e da allora il numero di morti è diminuito del 59%. Il rapporto annuale sviluppato dal think tank Institute of Economics and Peace (IEP) utilizza vari fattori per calcolarne il punteggio, tra cui decessi, lesioni e danni alla proprietà. 103 paesi hanno migliorato i loro punteggi. Afghanistan e Nigeria hanno avuto la maggior diminuzione delle morti, sebbene siano gli unici 2 Paesi ad aver subito più di 1.000 vittime. Il Medio Oriente e il Nord Africa hanno registrato il più grande miglioramento, registrando il numero più basso di morti dal 2003. Il maggiore aumento del terrorismo, invece, si è verificato in Burkina Faso, con un peggioramento anche per Sri Lanka, Mozambico, Mali e Niger.

Il conflitto rimane il motore principale del terrorismo: oltre il 96% delle morti nel 2019 si è verificato nei paesi già in conflitto. Questa diminuzione è stata anche accompagnata dall’attuale pandemia che ne ha ridotto l’impatto del 25%.  Il Covid-19 infatti ha portato ad un calo sia degli incidenti che dei decessi nella maggior parte del mondo.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati