giovedì 18 Agosto 2022

Riders, sentenza storica: fattorino ottiene il diritto ad essere assunto

Si chiama Marco Tuttolomondo, ha 49 anni ed è il primo ciclofattorino italiano ad ottenere il diritto ad essere assunto con un contratto di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato, pagato a stipendio orario e non più a cottimo. Ad emettere la sentenza il giudice del lavoro Paola Marino, del Tribunale di Palermo, che ha deliberato a favore del lavoratore nella causa contro Glovo, la multinazionale delle consegne a domicilio per la quale lavora. L’azienda, in seguito alla decisione, ha dovuto reintegrare il fattorino, che aveva fatto causa dopo essere stato disconnesso dalla app che smista gli ordini senza avviso.

Quella dei riders è una lotta che va avanti da tempo. L’ultima protesta risale allo scorso 3 novembre, nata in seguito all’accordo tra Assodelivery (l’associazione che raggruppa piattaforme come Glovo e Just Eat) e il sindacato Ugl, Il nuovo contratto – firmato con un sindacato senza rappresentanza e non riconosciuto da nessun’altra sigla – prevede ancora il pagamento a cottimo (a consegna), continua ad avere troppe poche tutele per i lavoratori, compreso il mancato inquadramento. Oggi, in Italia, sono più di 10.000 i ciclofattorini ancora costretti ad accettare questa forma di lavoro.

 

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI