fbpx
lunedì 20 Settembre 2021

Guerra civile in Etiopia: il governo lancia l’ultimatum ai ribelli Tigrè

Il governo etiope ha lanciato l’ultimatum: le milizie del Fronte Popolare di Liberazione del Tigrè (TPLF) hanno 72 ore per arrendersi prima dell’assalto a Macallè, la capitale della regione. Il primo ministro del Paese, Abiy Ahmed, ha specificato che la resa incondizionata è l’unica possibilità che i ribelli hanno per “prevenire ulteriori uccisioni e la distruzioni della città”.

In Etiopia, dal 4 novembre, è in corso una guerra civile tra il governo federale e quello regionale del Tigrè. Entrambe le parti accusano l’altra di atrocità e di blocco degli aiuti umanitari. Le agenzie di Onu e Unicef hanno stimato la morte di centinaia di persone dall’inizio del conflitto e circa 34.000 rifugiati già fuggiti nel vicino Sudan. Gli scontri sono cominciati quando il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha annunciato un’offensiva militare, in seguito al disconoscimento dell’autorità del governo centrale da parte del governo Tigrè. La decisione unilaterale dei ribelli di eleggere un’amministrazione regionale ha acuito le tensioni già presenti, legate all’esclusione dal governo federale del TPLF, partito dominante della regione.

 

 

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati