martedì 27 Settembre 2022

New York, 650 cadaveri nei camion frigo: i parenti non possono permettersi i funerali

New York, 650 persone decedute a causa della prima ondata di coronavirus sarebbero ancora ammassate in camion-frigorifero, in attesa di una degna sepoltura. Lo ha rivelato Wall Street Journal che ha ottenuto conferme dall’ufficio di medicina legale della città. I mezzi avrebbero prelevato i cadaveri, in aprile, nella zona di Sunset Park dove continuano a stazionare. A detta delle istituzioni sanitarie newyorkesi, il fatto sarebbe dovuto a due ragioni: il mancato rintracciamento dei parenti dei deceduti e il fattore economico. Molti di quei corpi, infatti, apparterrebbero a famiglie non ancora localizzate dalle agenzie di pompe funebri o dalle autorità, mentre molte altre non sarebbero in grado di pagarne la sepoltura.

Proprio i prezzi per i servizi e le cerimonie funebri hanno ultimamente subito, a New York, un’impennata delle tariffe. L’esecutivo della città ha infatti aumentato il contributo per i funerali, portandolo da 900 dollari a 1700, con i servizi tradizionali di sepoltura che possono arrivare anche a 9.000 dollari.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI