martedì 27 Settembre 2022

Usa: Trump autorizza la transizione (ma non riconosce la sconfitta)

A tre settimane dalla fine delle elezioni Usa 2020, Donald Trump ha annunciato su Twitter di aver acconsentito all’avvio della transizione dei poteri a Joe Biden, neoeletto. Tuttavia, assicura che la sua battaglia legale continuerà. Poco prima, la responsabile della General Services Administration (azienda indipendente che aiuta a gestire e supportare il funzionamento di base delle agenzie federali) Emily Murphy ha riconosciuto formalmente Biden come il vincitore delle presidenziali, spianando la strada al processo di transizione dei poteri che Trump teneva bloccato con i ricorsi elettorali. È il primo riconoscimento dell’amministrazione Usa della sconfitta di Trump. Un atto necessario perché Biden cominci a organizzare il proprio ingresso alla Casa Bianca, che formalmente inizierà il 20 gennaio prossimo.

Oltre ad assicurare che continuerà la battaglia e crede di vincere, Trump ha ringraziato, sempre su Twitter, la responsabile della Gsa, denunciando il fatto che qualcuno l’abbia tormentata e minacciata. Presunte accuse, smentite dalla stessa Emily Murphy, che giustificano il ritardo della decisione, con la scelta presa al termine delle elezioni, di non voler anticipare il processo del conteggio dei voti.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI