venerdì 27 Maggio 2022

In Alto Adige è stato avvistato un castoro: non succedeva da 400 anni

L’Associazione cacciatori dell’Alto Adige, dopo più di 400 anni, ha avvistato un castoro nella regione. A scoprirne le tracce è stato un agente venatorio, Reinhard Pipperger, che lungo un corso d’acqua ha trovato alcuni alberi rosicchiati e abbattuti. Infine, una fototrappola, ha catturato il roditore in una delle sue escursioni notturne. Secondo le notizie disponibili, l’ultimo esemplare di castoro in Trentino sarebbe stato catturato nel 1594.

Nei secoli scorsi, i castori sono stati cacciati a lungo per le pellicce, per i danni che provocavano alle foreste e per le loro dighe, causa di inondazioni. L’intensa carneficina spinse i castori sull’orlo dell’estinzione. Oggi l’animale è stato reintrodotto ed ha cominciato a reinsediarsi con successo in Canada e in alcune aree protette degli USA. In Europa si trova soprattutto in Russia, Francia, Svizzera e Germania.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI