sabato 2 Luglio 2022

Nuovo allarme per il clima: l’Artico ha iniziato a sprigionare il metano congelato

Alti livelli di metano sono stati rilevati fino a una profondità di 350 metri nel mare di Laptev, vicino alla Russia. Il fatto ha suscitato la preoccupazione dei membri del team dell’Akademik Keldysh, poiché potrebbe accelerare il ritmo del riscaldamento globale. I sedimenti dei pendii nell’Artico contengono un’enorme quantità di gas serra congelati ed in un periodo di 20 anni, il gas serra ha un effetto riscaldante 80 volte superiore all’anidride carbonica. Inoltre i ricercatori hanno riscontrato in superficie livelli di metano da quattro a otto volte la norma.

Le temperature in Siberia, da gennaio a giugno di quest’anno, sono state di 5°C superiori alla media. Un’anomalia resa almeno 600 volte più probabile dalle emissioni di anidride carbonica e metano causate dall’uomo. Il ghiaccio dello scorso inverno si è sciolto insolitamente presto ed il ricongelanento deve ancora iniziare.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI