fbpx
venerdì 24 Settembre 2021

Paesi UE contro le colonie israeliane in Palestina: violato il diritto internazionale

Cinque paesi europei tramite un comunicato politico sono intervenuti per criticare la scelta del governo israeliano di autorizzare la costruzione di 4.900 unità abitative in Cisgiordania, ancora occupata e ancora teatro di scontri fra israeliani e palestinesi.

I portavoce dei Ministeri degli Esteri dei 5 paesi (Italia, Spagna, Francia, Germania e Gran Bretagna) hanno scritto che “siamo profondamente preoccupati per la decisione presa dalle autorità israeliane di far avanzare più di 4.900 unità di costruzione di insediamenti nella Cisgiordania occupata. L’espansione degli insediamenti viola il diritto internazionale e mette ulteriormente a repentaglio la fattibilità di una soluzione a due Stati per portare una pace giusta e duratura al conflitto israelo-palestinese”. Secondo l’Ong “Peace Now” sarebbero 12 mila le abitazioni autorizzate da Israele nel solo 2020 stabilendo un record da quando nel 2012 l’Ong ha iniziato il conteggio.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati