giovedì 6 Ottobre 2022

Non regge la tregua tra Armenia e Azerbaigian: un missile fa 12 morti

La violenza continua nella regione del Nagorno-Karabakh, dove un missile ha ucciso 12 civili e lasciato 40 feriti in Azerbaigian. Il conflitto tra azeri e separatisti armeni nel Caucaso meridionale, si è evoluto questa notte alle 3, nel bombardamento che ha colpito la zona residenziale a Gandja, la seconda città più grande del Paese. Il presidente azero Ilham Aliev ha promesso al Paese di “vendicare” questi civili, accusando il proprio nemico separatista armeno, di aver sparato alle aree popolate in modo codardo.

L’accordo di tregua umanitaria, firmato da una settimana e negoziato con la mediazione di Mosca, nella pratica non è mai stato attuato, testimoniando l’impotenza della comunità nazionale.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI