lunedì 28 Novembre 2022

La plastica del futuro si biodegrada in 12 mesi

Alcuni ricercatori tedeschi dell’istituto di ricerca, hanno annunciato la creazione di una nuova plastica, di cui la biodegradazione avverrà in 12 mesi. Questa innovazione risolverà i due maggiori problemi legati alla produzione e all’uso delle materie plastiche. Il processo della produzione è notevolmente inquinante e il materiale che si usa, il petrolio, non è rinnovabile. Gettare un sacchetto di plastica nell’ambiente è estremamente dannoso dato che occorrono dai 10 ai 30 anni per far sì che si degradi.

Gli scienziati del Fraunhofer affermano di aver fatto dei passi avanti sulla produzione di questa nuova eco plastica, spiegando di voler usare scarti grassi industriali fatti fermentare con batteri geneticamente modificati e con l’aggiunta di additivi chimici brevettati per formare un materiale simile al polipropilene, ma la sfida è di riuscire a creare una produzione su scala industriale.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI