venerdì 12 Agosto 2022

Nobel per la Chimica alla scoperta rivoluzionaria di due donne

Il premio Nobel 2020 per la Chimica è stato assegnato a due donne: Emmanuelle Charpentier (francese) e Jennifer A. Doudna (americana), per aver sviluppato un metodo per la scrittura del genoma. In particolare, è stata premiata la scoperta delle forbici molecolari in grado di modificare i geni umani. Contribuirà a sviluppare nuove terapie contro il cancro ed apre le porte alla possibilità di curare malattie ereditarie, poiché il suo utilizzo consente di “tagliare” il Dna ovunque. William Kaelin, Premio Nobel per la Medicina 2019, ha definito la scoperta genetica come rivoluzionaria.

La francese, 51 anni, e l’americana, 56 anni, diventano così la sesta e settima donna a vincere un premio Nobel per la Chimica dal 1901.

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI