venerdì 27 Maggio 2022

Spagna, la Corte Suprema annulla le restrizioni anti-Covid: limitano i diritti fondamentali

Ieri la Corte Suprema di giustizia di Madrid non ha ratificato le misure che limitano gli spostamenti nella capitale spagnola, in vigore dal 2 ottobre, adottate dal governo per limitare i contagi da Covid-19. La motivazione della Corte suprema è stata: ”Misure che limitano i diritti fondamentali”.

Senza l’approvazione della massima autorità giuridica della comunità indipendente di Madrid, i cittadini che non seguiranno le norme imposte dal governo non potranno essere perseguiti con sanzioni, quindi secondo El pais un secondo lockdown “resta solo sulla carta”. Salvador Illa ministro della Salute spagnolo ha affermato “prenderemo le decisioni legali che proteggano meglio la salute dei cittadini” senza però chiarire quali. Le nuove misure di restrizione, che da venerdì imponevano di non poter uscire dai propri centri urbani se non per motivi strettamente necessari, avrebbero limitato gli spostamenti di circa 4.8 milioni di persone.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI