lunedì 4 Marzo 2024

Flash

Editoriali

Chi ha paura di Julian Assange? Tutta la storia di una persecuzione (Monthly Report)

Questa settimana, presso l'Alta Corte di Londra, verrà scritta una nuova pagina della storia dell'Occidente. Martedì 20 e mercoledì 21 giudici inglesi si ritroveranno...

Reportage

Tra i ghiacciai dell’Ecuador: testimoni sofferenti della crisi ecologica

Marco ha 68 anni, barba lunga e capelli grigi. Lo incontro nella sua casetta, ai piedi della montagna più alta dell'Ecuador, il Taita Chimborazo,...

Anti fakenews

Tutto ciò che non torna nell’inchiesta del New York Times sugli stupri di massa del 7 ottobre

Assenza di prove, evidenti discrepanze, una narrazione distorta e parziale degli eventi, mancata trasparenza, influenza diretta sulle famiglie delle vittime, pressione sui testimoni, assenza...

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

L’Italia va alla guerra “difensiva” contro gli Houthi: la missione sarà votata in Parlamento

Domani in Parlamento, tanto nell'aula del Senato quanto in quella della Camera, verrà votata l'approvazione della missione europea Aspides sul Mar Rosso, per contrastare gli attacchi portati avanti dal gruppo armato degli Houthi sullo stretto di Bab el-Mandeb in sostegno alla causa palestinese. La missione, già approvata in sede europea, sarà inizialmente composta da quattro fregate provenienti da Francia, Germania, Grecia e Italia, troverà la sua base operativa in Grecia, a Larissa, e sarà a guida italiana. Da quanto si legge sui documenti disponibili sul sito del Senato, Aspides sarà rivolta alla "salvaguardia della libera navigazione e alla protezione del naviglio mercantile in transito" sul Mar Rosso, e opererà in coordinamento con la già attiva missione Atalanta e l'operazione britannico-statunitense Prosperity Guardian. Da quest'ultima, tuttavia, si dovrebbe differenziare per il suo carattere "eminentemente difensivo", espressione che ha sollevato non pochi dubbi tra le fila dell'opposizione, che ne...

Il debito pubblico dell’Italia è in discesa e sta tornando in possesso delle famiglie

Dall’Istat arrivano dati inaspettati e in un certo senso sorprendenti per l’economia italiana: a dispetto di una narrazione martellante e a senso unico – spesso propugnata dai sostenitori dell’austerity e del neoliberismo –  che ritrae la Penisola come uno degli Stati più indebitati e più “spreconi” d’Europa, l’istituto italiano di statistica ha registrato un calo del rapporto tra debito...

È stata stanziata una nuova pioggia di finanziamenti pubblici per i giornali

A inizio mese, il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria del Governo italiano ha reso nota la lista dei giornali che hanno avuto accesso al cosiddetto "contributo pubblico diretto" per l'anno 2022, ovvero a quella forma di finanziamento pubblico prevista dalla legge e indirizzata alle testate pubblicate - almeno in teoria - da cooperative di giornalisti, società senza fini di...

Focus

Ultimi

Il Parlamento Europeo dà via libera definitivo all’identità digitale

Con 335 voti favorevoli e 190 contrari, il Parlamento europeo ha approvato il regolamento per l’EU Digital Identity Wallets, ovvero il portafoglio digitale europeo. Così come per l’annunciato portafoglio digitale italiano, It Wallet, la nuova identità digitale conterrà tutti i dati dei cittadini europei e permetterà loro di accedere a servizi pubblici e privati con un click, in tutta...

Tra i ghiacciai dell’Ecuador: testimoni sofferenti della crisi ecologica

Marco ha 68 anni, barba lunga e capelli grigi. Lo incontro nella sua casetta, ai piedi della montagna più alta dell'Ecuador, il Taita Chimborazo, di 6.310 metri di altezza. Un gigante di roccia e ghiaccio che si impone maestoso nella provincia che assume il suo nome. La prima volta che Marco salì sulla vetta del Chimborazo aveva 13 anni....

+ visti della settimana

Trending