mercoledì 24 Luglio 2024

L’Indipendente è finanziato dai russi? La nuova figuraccia di Repubblica

Evidentemente non vedevano l’ora. Aspettavano solo il pretesto e lo hanno usato per attaccare L’Indipendente con un articolo basato sul nulla. Senza uno straccio di fonte, giornalisticamente inconsistente, deontologicamente imbarazzante. La penna sguainata dai capoccia della redazione di Repubblica è quella, in realtà non molto affilata, di Giuliano Foschini. Il Foschini rilancia il solito teorema secondo cui l’Italia sarebbe «uno dei target principali» di una «precisa campagna di disinformazione di Mosca per delegittimare i paesi europei» attraverso «finanziamenti specifici a siti e influencer». Una teoria sulla quale il martellamento mediatico è inversamente proporzionale alle prove inesistenti a supporto. Ad ogni modo, quello che interessa a Repubblica non è certo fornire accertamenti sul fatto, ma darlo come assodato per colpire L’Indipendente, colpevole, agli occhi dell’autore, di non avere pubblicità ma di esistere solo grazie ad «abbonamenti e anonimi donatori». Addirittura, scrive Foschini, L’Indipendente nelle ultime settimane ha lanciato una «robusta ed efficace campagna di marketing». Incredibile! Un giornale che nonostante non prenda un euro, e quindi non sia influenzabile, dai potentati economico-politici che condizionano il suo e molti altri giornali, riesce con il solo contributo dei lettori a esistere e a farsi anche pubblicità. Per di più in maniera «efficace», senza nemmeno mettere in promozione gli abbonamenti a un euro come fanno i suoi editori. Per Foschini l’arcano è presto svelato e suggerito in maniera per nulla velata tra le righe: gli «anonimi donatori» devono essere senza dubbio agenti del Cremlino. Tanto che «anche su questo la Polizia farà approfondimenti». Come direttore de L’Indipendente, mentre resto in trepidante attesa di ricevere notifica di indagini in merito, mi tocca cogliere l’occasione per spiegare ai lettori qualche cosa in merito a questa storia e, visto che ci siamo, sui temibilissimi «anonimi donatori» che ci foraggiano.

Prima di cominciare riavvolgiamo brevemente il nastro per coloro che si fossero persi l’antefatto. Il tutto ha inizio su una questione che interessa un post sui social personali di Matteo Gracis, che de L’Indipendente è cofondatore, senza ricoprire alcun ruolo in redazione. Come già spiegato in un comunicato, il nostro giornale nella vicenda non c’entra nulla e su Repubblica, come su altri quotidiani che hanno trattato la vicenda, è stato tirato in ballo per provare a colpire una realtà che, evidentemente, fanno finta ignorare ma conoscono bene.

In ogni caso, al buon Foschini, sarebbe bastato chiederci lumi con una mail e volentieri gli si sarebbe spiegato che, fortunatamente, in tre anni di duro lavoro – cercando di restituire alla professione giornalistica una deontologia e un’autonomia che molti giornali hanno perso tra le pieghe di bilanci in profondo rosso – attorno a L’Indipendente siamo riusciti a costruire una comunità di migliaia di abbonati che ci permettono di esistere, crescere e – addirittura – di fare campagne di marketing. E poi si, in effetti a L’Indipendente è possibile fare anche donazioni: uno strumento comune a molte altre testate grandi e piccole (compreso il The Guardian, uno dei più importanti quotidiani al mondo) pensato per chi vuole supportare il nostro giornalismo. Il peso delle donazioni rispetto al nostro bilancio è marginale, non arriva al 5%, e la grande maggioranza sono di pochi euro.

Ho chiesto alla nostra segretaria di controllare: donazioni in rubli nessuna. Non me ne capacito. Eppure ci abbiamo provato in tutti i modi, pubblicando anche articoli con titoli come “La repressione del movimento contro la guerra in Russia”, dove spiegavamo ai nostri lettori che in Russia c’è una sistematica oppressione dei pacifisti, che certamente al Cremlino avranno gradito oltremodo.

In verità, la cosa che nelle redazioni della stampa mainstream probabilmente non sopportano è che il giornalismo non lo facciamo a senso unico pro-Nato come sono costretti a fare loro. E se raccontiamo al lettore della repressione in Russia, non omettiamo di riportargli come anche Zelensky abbia fatto carta straccia delle libertà civili in Ucraina, accorpando i media sotto il controllo di un ente governativo e chiudendo i partiti di opposizione. Ed evidentemente, l’altra nostra colpa è anche quella di non dare spazio a clamorose bufale sempre e solo a senso unico – sull’Ucraina e non solo – che lette a mesi di distanza fanno ridere per non piangere: “Mancano munizioni, russi all’assalto del nemico con le pale” (ops, proprio La Repubblica, 6 marzo 2023) o “Perché le sanzioni contro la Russia stanno funzionando” (ops, sempre La Repubblica, 12 settembre 2022), o quando sono arrivati al punto in cui, per giustificare il genocidio israeliano su Gaza, hanno pubblicato come nuova un’analisi fatta da un autore che era morto da due anni: è successo davvero e, non ci crederete, ancora su Repubblica (il 3 giugno scorso, e anche se poi hanno modificato l’occhiello scrivendo che lo scritto risaliva al 2011, il web non perdona e la versione originale dove si fa credere che si tratti di un contenuto inedito esiste ancora).

Senza abusare della pazienza di chi legge, che di cose nel mondo ne accadono di più importanti e su quelle si dovrebbe concentrare il giornalismo, un’ultima cosa: mentre da Repubblica preannunciano indagini su fondi e interessi occulti de L’Indipendente, noi sui loro non abbiamo bisogno di fare altrettanto, perché è tutto pubblico. L’editore di Repubblica è sotto inchiesta per truffa ai danni dello Stato per aver taroccato carte e conti, al fine di ottenere illecitamente fondi per cassa integrazione e prepensionamenti. Lo stesso editore, John Elkann, esercita una censura talmente pervasiva da aver costretto la Repubblica a mandare al macero centomila copie dell’inserto “Affari e Finanza” perché in prima pagina c’era un articolo che parlava dei legami economici sbilanciati tra Italia e Francia, evidentemente sgradito visto che l’azienda della famiglia Elkann-Agnelli, Stellantis, è direttamente partecipata dallo Stato francese. Una censura contro la quale protestarono gli stessi giornalisti di Repubblica, sfiduciando il direttore Maurizio Molinari, che però rimane al suo posto imponendo una linea editoriale talmente propagandistica da censurare interviste, come quella al cantante Ghali, ritenuto troppo filo-palestinese, e da spingere chi non è d’accordo ad andarsene, come recentemente fatto dal giornalista e collaboratore di lungo corso Raffaele Oriani, che ha denunciato come il massacro israeliano su Gaza sia in corso anche grazie «all’incredibile reticenza di gran parte della stampa europea, compresa Repubblica».

Ad ogni modo il problema non è tanto La Repubblica (che nei suoi vizi è in “buona” compagnia), né tantomeno il redattore Giuliano Foschini. Il problema, purtroppo, riguarda il complesso dell’informazione mainstream. Un mondo al quale, prima di tornare al nostro lavoro (il giornalismo) proponiamo una piccola scommessa: noi non abbiamo problemi a dimostrare di non aver mai preso un rublo russo, voi potreste fare lo stesso parlando di dollari americani e shekel israeliani?

[di Andrea Legni – direttore de L’Indipendente]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

35 Commenti

  1. E La Repubblica cos’à da rispondere su tutte le bugie che si sta rimangiando dopo 6 anni per i finanziamenti che ha ricevuto come tutti i subalterni di GEDI da Elkann ? Quotidiani italiani, come francesi e tedeschi, oltre The Economist, che hanno perso ogni credibilità ?
    Ormai si sono specializzati nelle menzogne e proseguono il loro corso… motivo per il quale questi quotidiani, al servizio del SISTEMA, perderanno molti dei loro clienti – ai quali ci vorrà più tempo per comprendere tutte le bugie comunicate loro e discrediti verso coloro che tentavano di esprimere la verità .
    Come cita il vecchio detto: Le bugie hanno le gambe corte!
    Sono fiero di essere un abbonato e sostenitore de L’Indipendente, un filo-putiniano, un filo-russo, un eversivo, insomma tutte le frascate che un quotidiano come La Repubblica è ormai capace di divulgare ai suoi lettori!

  2. Ero un abbonato , poi per svogliatezza e sfiducia nell’umanita’ non lo avevo piu’ rinnovato, ma quando ho letto della storia con il mattarella mi son detto ” questi si meritano ben piu’ che un abbonamento” ed ed ora rieccomi qua’.
    Continuate cosi’.

    • IDEM. Proprio come Te, Roberto.
      Con l’aggiunta che non ho una Lira e che spero di andarmene presto da sto mondo di M.
      Perché comprarmi delle scarpe se quelle vecchie ancora vanno bene.
      Coscienza a posto, Anima in Pace e Spirito sempre vivo e combattivo (per le Virtù e il Bene comune)!

    • Da tempo disgustato dai quotidiani Repubblica, Corriere e company del ” main stream”, sono un abbonato di questo giornale da pochi mesi e ne sono felice. Troppe menzogne girano da troppo tempo.Insopportabile sia la mistificazione di certe realtà storiche , sia il vergognoso massacro dei civili Palestnesi , ignorato e quasi giustificato col detto ” Israele ha diritto a difendersi”! Questi giornali mi fanno vergognare di essere italiano.
      Forza L’Indipendente, continua così.

  3. …..a stato Putin!!!!! Comunque, pensandoci, le loro perplessità sono quasi lecite. Prendendendo sovvenzionamenti dai bombaroli dell’altra sponda, potrebbe sembrare strano lavorare con onestà e con una certa moralità

  4. Mia Madre è Russa mio Padre è Italiano, sono Italo Russo ed è vero quello che scrive la repubblica, io che sono mezzo Russo finanzio l’Indipendente, lo faccio perché l’informazione becera della Repubblica fa vomitare!

  5. Ovviamente è solo l’inizio perché la libertà di pensiero fa sempre paura al potere, quindi questo giornale dovrebbe migliorare ulteriormente con più articoli di cronaca diventando auto sufficiente per l’informazione giornaliera.
    Sarebbe anche utile pubblicare qualche Minority Report come il titolo del Film, in cui si pubblica l’opinione più politicamente scorretta e contraria a quelle della Redazione tra quelle di tutti i giornalisti di questo giornale.

  6. Sarebbe stato ancora più efficace se aveste stilato una tabella con provenienza dei sottoscrittori, giusto per fugare dubbi. E comunque non vedo cosa ci sarebbe di male se tra i sottoscrittori ci fossero dei russi, che peraltro sono ben presenti come abitanti nella nostra penisola.

  7. Innanzitutto grazie per ciò che fate, siete l’unica testata libera in Italia oggi. State dando nuovamente lustro alla professione del giornalista, una professione veramente degradata dai mezzi d’informazione mainstream, che ormai fanno solo propaganda. Da giurista vi consiglio di fare una querela per diffamazione: questi soggetti meschini devono pagare per le loro malefatte. In ogni caso se hanno bisogno di attaccarvi è perché hanno paura della vostra libertà, che loro non hanno.

  8. Comunque su una cosa Foschino ha ragione: L’Italia rappresenta veramente il terreno più fertile per la controinformazione. Forse per la presenza del vaticano, di una foltissima rappresentanza di massoni ed anche forse per una spiccata vena artistica e intellettuale. Si parla di controinformazione sponsorizzata in massima parte da nato, finanza, etc etc…NATURALMENTE

  9. Grazie A. L. e a questo punto grazie a anche a Gracis, che con altri intenti, ha comunque alzato una pietra sotto la quale si annidano serpi, scarafaggi…,anzi, altri esseri schifosi che sono molto peggio degli animaletti innocenti.
    A me, come agli altri lettori dell’Indipendente, sembra un grande successo che giornali e giornalisti poco etici escano un po’ allo scoperto con queste affermazioni e speriamo, anzi siamo sicuri che queste dichiarazioni scritte su repubblica, creino interesse per l’INDIPENDENTE.
    Quindi grazie anche a Foschino, capo redattore che sembra più capo-comico.

  10. Non so se ridere o piangere pensando che esistono esseri che hanno tempo per simili infamie e per di più considerando che la stragrande maggioranza è ” embedded”, che è un termine anglosassone per dire diplomaticamente quello che si riferisce alle signorine dì facili costumi…

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI