venerdì 19 Aprile 2024

Negli Stati Uniti i fertilizzanti stanno causando la morte di centinaia di migliaia di pesci

Rive del fiume rivestite di carcasse e pesci morti visibili attraverso l’acqua: è questa l’immagine descritta da funzionari americani che hanno rivelato che nel fiume Nishnabotna, un affluente del Missouri, una fuoriuscita di fertilizzanti ha spazzato via gran parte della vita acquatica per un tratto di 60 miglia (circa 97 km) causando una strage ed un disastro ambientale. Sarebbero oltre 789.000 i pesci rimasti uccisi in quella che è una tra le fuoriuscite chimiche ecologicamente più devastanti degli ultimi anni nella regione. La maggior parte delle specie coinvolte è di piccole dimensioni, ma tra le carcasse rinvenute sono state trovate anche migliaia di pesci gatto e carpe. Matt Combes, supervisore scientifico dell’unità di salute ecologica per il Dipartimento di Conservazione del Missouri, ha stimato che circa 40.000 pesci sono morti solo all’interno del suo stato, aggiungendo che anche provare a trovare le parole per definire «una moria quasi totale per 60 miglia di fiume è sbalorditivo e scoraggiante». Secondo Andrew Loftus poi, biologo della pesca e autore, la tragedia sarebbe anche ambientale in quanto l’ecosistema «potrebbe richiedere decenni per riprendersi completamente».

Secondo i funzionari dell’Iowa, intervistati dal New York Times, l’ultima moria è iniziata quando una valvola di un serbatoio di stoccaggio presso la NEW Cooperative – un’azienda agricola a Red Oak, nel sud-ovest dell’Iowa – è stata lasciata aperta durante un fine settimana. Il Dipartimento delle risorse naturali dell’Iowa, che ha appreso della fuoriuscita l’11 marzo, ha dichiarato che 265.000 galloni di fertilizzante (oltre 1,2 milioni di litri) azotato liquido si sono riversati in un canale di drenaggio e nel fiume East Nishnabotna, un affluente del fiume Nishnabotna e quindi del Missouri. Secondo i dati statali dell’Iowa poi, la strage di pesci è stata una delle cinque peggiori mai registrate in assoluto e la peggiore dal 2013, quando un deflusso da un allevamento di latticini aveva ucciso oltre 800.000 pesci. Andrew Loftus, biologo della pesca e autore, ha dichiarato: «La gente sarebbe sorpresa di quante uccisioni di piccole e medie dimensioni ci sono negli Stati Uniti. Semplicemente non ne abbiamo un certo numero. Ma stanno accadendo abbastanza frequentemente».

Gary Whelan, vicepresidente dell’American Fisheries Society, organizzazione non a scopo di lucro che mira a proteggere la conservazione acquatica, ha frenato: «Certamente la lunghezza del fiume interessato è piuttosto grande e i numeri grandi, ma la biomassa colpita è probabilmente piuttosto bassa, dato che l’uccisione è stata per lo più di specie di pesciolini e cavedani». Tuttavia, i funzionari dell’Iowa hanno rivelato che sul sito della fuoriuscita il terreno contaminato e l’acqua contaminata sarebbero ancora in stato di rimozione. «Non sto davvero trattenendo il respiro, ma spero davvero che questo risvegli alcune persone sulla triste situazione dei nostri corsi d’acqua qui», ha affermato Alicia Vasto, direttrice del programma idrico per l’Iowa Enviromental Council, un’organizzazione senza scopo di lucro che mira a regolamenti più severi nella regione.

[di Roberto Demaio]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI