sabato 18 Maggio 2024

Nel governo Meloni ora si propone di militarizzare le Università contro le proteste

Dopo la cacciata del direttore del quotidiano La Repubblica, Maurizio Molinari, da parte degli studenti dell’Università di Napoli, che hanno voluto impedire un suo convegno accusandolo di essere complice del genocidio israeliano su Gaza, nel governo Meloni si levano le voci di chi vorrebbe usare l’occasione per imporre un giro di vite repressivo anche all’interno degli atenei. Il ministro dell’Interno Piantedosi avrebbe infatti elaborato un piano che prevede accessi “limitati e controllati” agli atenei e di porre le forze dell’ordine all’ingresso delle aule dove si tengono convegni e appuntamenti per bloccare le contestazioni. L’indiscrezione segue le durissime dichiarazioni del ministro dell’Agricoltura, nonché cognato di Giorgia Meloni, Francesco Lollobrigida, che ha dichiarato nientemeno che un «eccesso di tolleranza» verso le contestazioni potrebbe portare a rischi terroristici nel Paese.

Non prendere provvedimenti contro episodi come quello di Napoli, ha infatti dichiarato Lollobrigida, «in passato ha poi portato al terrorismo e al suo rafforzamento fino all’episodio di Aldo Moro, che, con il suo sacrificio, creò un allarme democratico talmente ampio che ci permise di sconfiggere quel fenomeno brutale che è l’eversione». Nonostante l’accostamento tra gli eventi sembri a dir poco fantasioso, il Viminale starebbe già correndo ai ripari. A scatenare la preoccupazione del governo sarebbero infatti una serie di incontri che dovrebbero tenersi nelle Università italiane nei prossimi giorni e che potrebbero essere fortemente contestati dal “fronte pro Palestina” e contro Israele. Per tale motivo, secondo le indiscrezioni rese pubbliche dal Corriere della Sera, il governo starebbe ipotizzando misure di sicurezza più stringenti sugli ingressi nelle aule dove si dovranno svolgere gli incontri, che da ora in poi potrebbero anche essere posti sotto la lente dei Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura, oltre che dei Questori e dei tavoli tecnici relativi. Dato il carattere non prevedibile di tali tipi di proteste, poi, potrebbe essere aumentata la sorveglianza prima dei convegni, ipotesi che preannuncia la presenza di contingenti delle forze dell’ordine a presidiare le aule. Dal canto suo, la ministra dell’Università Anna Maria Bernini ha frenato l’ipotesi avanzata dal Viminale, ma ha convocato un incontro con i rettori per il prossimo giovedì, per concordare con loro le modalità di repressione delle proteste.

Se le misure dovessero essere messe in pratica, ci si ritroverebbe di fronte all’ennesimo tentativo di questo governo di banalizzare le proteste e le rivendicazioni sociali. Il “fronte pro Palestina” diventa così un’etichetta che trasforma in un mero problema di ordine pubblico una battaglia sociale dalla forte dimensione politica, che chiede la fine dell’aggressione militare israeliana nella Striscia di Gaza (che ha causato la morte di oltre 30 mila civili, la maggior parte dei quali donne e bambini) e del supporto italiano e occidentale a Israele. E ad aderire a questa richiesta non sono solamente gli studenti: sono oltre 1300 gli accademici che hanno sottoscritto una lettera indirizzata al ministero degli Affari Esteri, nella quale si chiede un completo stop agli accordi di cooperazione industriale, scientifica e tecnologica in vigore con Israele. Un documento che segue quello siglato da quasi 5 mila docenti universitari che, per le stesse ragioni, chiedevano già a novembre scorso il boicottaggio di Israele.

È quantomeno curioso, poi, che l’allarme in merito a un attacco alla democrazia e alla libertà di parola provenga proprio da quelle istituzioni che non hanno trovato nulla da ridire quanto nelle Università venivano vietati i testi di Dostoevskij perchè “filorussi” o per il boicottaggio degli incontri di confronto sul Covid.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

10 Commenti

  1. E poi nelle varie tribune politiche e sociali ci si lagna dei giovani! Non solo loro ad essere servi incapaci di pensare, superficiali e senza valori. I fatti di Napoli qui descritti, le proteste di Pisa e Firenze ne sono solo un esempio.

  2. Il voler spegnere le menti dei giovani, riconducendoli a mera programmazione in versione 5.0 per essere pronti al lavoro, è un lavoro di fino della nostra agenda politica.
    Non vogliono più scuole classiche, ove il ragazzo pensa, sogna e discute…. No vogliono degli automi senza pensieri profondi, limitati al calcio o alle discussioni sterili dell’influencer di turno.
    Ragazzi protestate, levate gli scudi, ergete barriere linguistiche e morali tra voi ed il resto di questa misera, venduta ed avvilente classe politica.

  3. Non mancano mai di approfittare degli eventi per infilarci qualche forma di repressione.
    Accostare la protesta al terrorismo è vigliaccheria pura
    Ma non ci si può aspettare niente di differente da marionette che devono solo farsi vedere così pro sistema che gli offre un po’ di visibilità.
    Sono tutti venduti e ricattabili.

  4. I nostri nonni e bisnonni hanno già visto questo teatro negli anni ’20 del ‘900.
    Come suggerisce Carlo il ministro mente sapendo di mentire, attribuendo le cause prime dell’omicidio Moro alla eversione dal basso, che guarda caso non ha mai raggiunto altro risultato che legittimare le scelte liberticide dei governi. Ma ormai sappiamo che il teatrino serve solo a dare un colore di indipendenza alla nostra realtà di colonia anglosassone. Almeno lo dicano, così la smettiamo con questa farsa.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI