lunedì 20 Maggio 2024

In 40 città italiane pedoni e ciclisti si mobilitano contro il nuovo codice della strada

Dal 9 marzo al 12 marzo in oltre 40 città italiane è stata lanciata una mobilitazione contro le proposte di modifica al codice della strada, analizzate e approvate dalla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati. A dare avvio ai moti di protesta è stata la piattaforma denominata “#citta30subito”, appoggiata da numerose associazioni ambientaliste tra cui Legambiente, Kyoto Club, ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile)  e FIAB (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta). Le azioni di dimostrazione sono state numerose e hanno coinvolto anche il fronte digitale attraverso azioni di mail bombing, ovvero di invio massiccio di e-mail rivolte ai parlamentari che saranno chiamati a votare la riforma, tanto che fino all’8 marzo se ne sono contate circa 6.000.

Le proposte di emendamento al codice della strada analizzate dalla Commissione Trasporti sono state 770, sono state approvate il 21 febbraio, e seguono le modifiche al codice della strada approvato dal Parlamento lo scorso settembre. Con le nuove norme aumenterebbero le sanzioni per chi viene colto alla guida utilizzando un telefono, per cui verrebbe introdotta anche la sospensione breve della patente pari a 10 giorni se il conducente detiene dai 20 ai 10 punti sulla patente e a 15 giorni se il conducente ne detiene meno di 10. Per quanto concerne i titolari di foglio rosa per patenti relative a motocicli verrebbe introdotto il divieto di trasporto di passeggeri, mentre per i neopatentati verrebbe aumentato il limite di cilindrata che è permesso loro guidare nei primi anni di patente; esteso inoltre fino ai diciottenni l’accesso alle patenti per professionisti.

Allargate anche le misure sugli autovelox, che dovrebbero venire sottoposti a verifiche periodiche al fine di garantirne la funzionalità; sempre riguardo agli autovelox, visto il propagarsi del fenomeno Fleximan, recentemente allargatosi anche ad antenne e cartelli stradali, verrebbe introdotta una nuova norma in materia di sanzioni: se le modifiche dovessero passare, infatti, nel caso in cui si prendessero più multe per autovelox nello stesso tratto stradale, di competenza dello stesso ente e in un periodo di tempo di un’ora, si dovrebbe pagare una sola sanzione. Alle stesse sanzioni, e più precisamente alle maggiorazioni in caso di protratto ritardo del pagamento, viene imposto un limite, pari ai tre quinti della multa. Tra le varie modifiche anche l’apertura di autostrade e strade extraurbane ai motocicli con cilindrata non inferiore a 120cc se guidati da maggiorenni, la riformulazione delle misure per il soccorso e le emergenze stradali, l’inasprimento delle pene per gli omicidi stradali e l’abbandono degli animali, l’ampiamento della possibilità di creare ZTL fuori dai centri urbani per motivi di sicurezza, e il riconoscimento dello status di utente vulnerabile della strada ai motociclisti. Una stretta infine, su chi guida in stato di ebbrezza, che viene parificato a chi ha assunto stupefacenti.

Nonostante molti emendamenti siano dedicati a questioni relative alla sicurezza, i movimenti della piattaforma #citta30subito hanno definito sarcasticamente le modifiche “nuovo codice della strage”. Secondo i promotori della mobilitazione, i nuovi emendamenti tratterebbero solo in parte e superficialmente i veri problemi legati alla sicurezza stradale, ignorando la questione della velocità. Per tale motivo hanno organizzato flash mob, presidi e manifestazione per denunciare quelle che definiscono come “misure vetrina”, arrivando in gran parte delle maggiori provincie italiane. Domenica 10 marzo a Roma una cinquantina di persone si sono ritrovate in piazza Santi Apostoli vestiti di bianco con finte macchie di sangue sugli indumenti, a rappresentare i morti per incidenti stradali. Lo stesso giorno a Milano è stato organizzato un corteo di biciclette che ha portato a un presidio davanti al Palazzo della Triennale, mentre il giorno prima a Napoli si è tenuto un flash mob che ha portato a un corteo verso Piazza Plebiscito. Altre manifestazioni si sono svolte tra le altre città a Bologna, Firenze, Modena, Lecce, Padova, Perugia, Torino e Varese.

[di Dario Lucisano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Concordo!
    Noto che, come al solito, non si parla di educazione (stradale).
    Occorre educare al rispetto degli altri, solo così arriveremo da qualche parte.
    Inasprire le pene non serve: l’italiano ama il gioco (leggi Superenalotto) e preferisce rischiane la multa (tanto i vigili sono appunto a fare le multe per divieto di sosta) piuttosto che cambiare attitudine e rispettare un po’ di più le regole.
    Senza rispetto per gli altri non faremo un singolo passo avanti

  2. Sono sicura che sono quelli che la macchina la usano anche per andare al….
    Ai 30 all’ora ci andiamo di fisso perché ormai è sempre tutto intasato, la patente sembra che l’abbiano presa tutti su internet, tanto sono indisciplinati e poco responsabili, sul fatto che sulla strada circola di tutto nella totale anarchia. I pedoni che hanno sempre ragione, attraversano in ogni posto, senza nemmeno guardare, per i ciclisti della domenica le ciclabili non esisto, sono sempre in due 3 quattro 10 in piena corsia e durante la settimana sono certa che usano la macchina con prepotenza.Certi motociclisti pensano di essere in pista. E per ultimo i monopattini che sbucano da ogni parte E i vigili a dare le multe nei parcheggi perché se dovessero essere una costante su alcune strade farebbero il botto di sanzioni tante sono le violazioni al codice. Se Vi riconoscete!!! In macchina ognuno si fa i fatti propri , senza pensare a chi gli sta dietro, in parte o davanti nella corsia opposta. Non è una questione di codice è la testa di molti che non funziona.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI