mercoledì 29 Maggio 2024

La dottrina della shock economy e la guerra in Ucraina

La guerra russo-ucraina sta assumendo sempre più chiaramente il carattere di uno shock economico, catalizzatore di una quantità enorme di risorse pubbliche verso settori privati, con la giustificazione di dover rispondere ad un problema emergenziale. Lo schema della dottrina dello shock è sempre la medesima e sfrutta la paura per operare politiche che in una situazione di normalità i cittadini non accetterebbero. Ormai gli shock sembrano ripetersi in maniera sempre più frequente, quasi senza soluzione di continuità, generando un costante stato di paura e incertezza che mina in maniera rovinosa...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

10 Commenti

  1. Direi che ormai è più che evidente che il prosieguo del conflitto è dovuto principalmente a sorreggere il sistema economico/ finanziario degli stati uniti che lo usa beffardamente a costringere gli alleati o meno a fare scelte autolesionistiche per loro ma vitali per gli interessi di un paese che ha accumulato il più alto debito pubblico del mondo, altrimenti nessuno vorrebbe essere complice del massacro di decine di migliaia di persone!

  2. È davvero sconcertante vedere quanti soldi tutti gli Stati mettano a disposizione per la macchina della guerra, a differenza dei miglioramenti nell’ambito della salute, della scuola, del lavoro….che non ci sono mai soldi a sufficienza! Veramente un mondo all’incontrario.

  3. Eh leggere la verità su un sistema collaudato da secoli, non fa certo piacere, a noi opulenti pecoroni. Putin se la ride, l’America fa quello per cui è nata, per diventare Stati Uniti quante guerre e stermini e sfruttamento ha praticato. Come ne siamo usciti dalla 2 guerra mondiale?
    Facciamocene una ragione siamo incapaci di convivere pacificamente, il profitto individuale l’ha sempre fatta franca, non solo negli stati, anche nelle famiglie, nelle gerarchie. Se vai a analizzare ogni singola situazione, trovi il prevaricatore e il prevalso. La famosa legge della natura che quando ti svegli al mattino devi cominciare a correre o per mangiare o per non essere mangiato.

  4. Sono molto d’accordo con il commento sopra. Questo schiacciarci continuo tra mille balzelli con tasse occulte (carburanti, energia, beni di prima necessità tutti alle stelle!!) per alimentare bolle speculative private, è inaccettabile.

  5. Pensare che i soldi delle mie tasse, del mio lavoro, finiscono nelle tasche di qualche oligarca nazista ucraino….
    Alzi la mano chi crede che l’occidente rinuncerà a riprendersi tutto questo denaro anche a costo di qualche decina di milioni di morti.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI