domenica 21 Aprile 2024

“La poesia ho infilato al ramo”, di Evgenij A. Evtushenko (1959)

Ho infilato al ramo la poesia,
che lotta e non cede al vento.
Mi preghi: “Sfilala, non scherzare.”
Passa qualcuno.
Guardano incuriositi.
Non possiamo stare a discutere.
Andiamo via.
“Ma la dimenticherai”.
È vero,
però domani te ne scriverò una nuova.
Che importa una poesia perduta!
Non pesa certo al ramo la poesia.
Te ne scriverò quante vorrai,
tanti alberi tante poesie!
Ma di te e di me, cosa sarà domani?
Questo forse presto lo dimenticheremo.
No, se la via si annuvola
un giorno ricorderemo che laggiù
in piena luce
l’albero sventola la poesia,
e ci diremo sorridendo:
“Dobbiamo andare avanti”.

La poesia è fatta di parole al vento e dunque bisogna fissarla, ma esilmente per non ostacolare il suo destino. Lasciare che sorprenda i viandanti ma dopo di loro altri che ancora andranno avanti e si faranno stupire.

La poesia è anima, ànemos in greco, appunto ‘vento’, leggerezza potente che dà fiato, che muove e che lascia tracce.

Parole leggere ma vere che stanno per strada sui sentieri dell’essere e del divenire, del rimanere soli e dell’incontrarsi. Parole come bandiere che il vento vorrebbe disperdere e che invece si scuotono, come verità che non cedono.

Chi scrive poesie è tuttavia un docile creatore che all’occasione potrà scriverne altre, che poi non saranno più sue. Perché la poesia è fonte e destino, è di tutti e non di qualcuno, è anima sì ma anche corpo.

La poesia è uno di quei rami che si aprono al mondo e il poeta è un creatore che poi scompare e in cambio non chiede nulla.

La poesia però, se è destino è perché sarà strumento di incontro, di un ‘tu’ reale o immaginario. ‘Forse perché della fatal quiete tu sei l’imago“: Ugo Foscolo scrive così della sera ma qualsiasi ‘tu’ del poeta è il mondo intero attorno a sé.

La poesia vuole amare senza sapere chi, perché quel chi è chiunque, perché quel tu è l’io stesso del poeta che sa che la poesia non ammette la sera, l’annuvolarsi, la morte e supera.

Un poeta che lotta, che brandisce la poesia come un’arma per vincere, per andare avanti, perché lui, il ramo, non vuole, non deve cedere alla forza ostile del vento.

[di Gian Paolo Caprettini]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

6 Commenti

  1. Grazie, mi ha ricordato Montale in qualcosa, non so se per “colpa” della traduzione. Ma anche il Brecht di Ricordo di Marie A.

    Grazie che c’è ancora qualcuno che parla di poesia, sempre più felice di dare 150€ all’anno a questo giornale!

  2. Grazie GPC, una bellissima Poesia e bellissime parole, fanno di una giornata
    una bella giornata
    (al di là del bene e del male, del vincere e perdere cosa c’è?
    consapevolezza, amore cosmico…?
    e al di là delle parole cosa c’è? forse solo
    la poesia)

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI