venerdì 12 Aprile 2024

Cosa mettono in prima pagina i giornali di oggi pur di non parlare di Assange

Se foste uno dei quotidiani più venduti in Italia e aveste a disposizione non uno, ma ben due corrispondenti in quel di Londra, dove si sta attendendo il verdetto dell’Alta Corte britannica sull’estradizione di Julian Assange, che articolo fareste loro scrivere? Il buon senso imporrebbe una cronaca dettagliata sull’attesa della sentenza sul destino fondatore di Wikileaks… Invece, stamattina, una rassegna stampa dettagliata ci regala la cronaca dal mondo alla rovescia, come se le redazioni dei quotidiani del Belpaese avessero deciso all’unisono di disinteressarsi della vicenda, per focalizzarsi su bel altre notizie. A chi interessa, dopotutto, la possibile estradizione di Assange? Evidentemente non alle redazioni dei quotidiani italiani. È così che scopriamo che il cuore della redazione di Repubblica batte non per l’attivista australiano, ma per una iconica artista: Yoko Ono. Ebbene sì: Repubblica ha preferito mandare i propri corrispondenti, Castaldo e Guerrera, a Londra. E non alla sede dell’Alta Corte britannica dove si sta decidendo il futuro del giornalismo libero in Occidente, bensì alla mostra della musa e vedova dell’ex leader dei Beatles, John Lennon. Insomma, la controversa artista giapponese – co-autrice di Imagine – scavalca l’interesse per il destino di Assange e conquista la prima pagina del quotidiano diretto da Maurizio Molinari.

Che il giornalismo in Italia – con poche eccezioni, per esempio, Il fatto quotidiano e L’Unità che nella giornata di oggi aprono dando attenzione al caso – soffra nel dare voce alla causa di Assange è noto da tempo. Anche se, come vedremo, nei rari casi in cui ne parlano lo fanno in modo talmente impreciso e prevenuto da riuscir a far rimpiangere i pettegolezzi da tabloid.

La recente morte di Navalny, invece di accendere i riflettori sulla possibile estradizione del fondatore di Wikileaks, che rischia 175 anni di prigione negli USA, ha focalizzato l’isteria mediatica su fantasiose ricostruzioni e complotti (ovviamente, in assenza di prove) sulla morte del politico e blogger russo, sfruttando la ghiotta occasione per attaccare il Cremlino, con i soliti titoli altisonanti: “Salvini, la voce di Mosca” (la Repubblica); “Il pizzino di Putin all’Italia” (La Stampa); “Putin prova ad avvelenare l’Italia” (Il Giornale).

Ora che sappiamo che anche il nostro Paese rischia di finire “avvelenato” con qualche strana tossina e che lo spettro delle liste dei putiniani d’Italia è pronta a risgusciare fuori dal cassetto dal Corriere, dove stava facendo le ragnatele, per tenere alta l’asticella del terrorismo mediatico, Libero ci regala un titolo più dimesso rispetto alla consueta sobrietà che lo contraddistingue: “Via libera ai taxi del mare” (“L’incredibile sentenza” si legge nell’occhiello). Assange lo troviamo relegato nell’editoriale del direttore della testata, Daniele Capezzone, che ci tiene a sottolineare che il fondatore di Wikileaks “non è il Navalny dell’Occidente”: su di lui, si è detto tutto e il contrario di tutto, ci spiega il direttore di Libero, che ammette – a scanso di equivoci – di sentirsi più vicino a chi vede Assange come un “traditore”, e un uomo che “ha messo a rischio le vite di numerosi occidentali”, anziché a chi lo considera come un eroe. E non avevamo dubbi a riguardo.

Sulla stessa linea di pensiero di Capezzone, troviamo Giuliano Ferrara sul Il Foglio, che nell’articolo dal titolo emblematico, “Navalny e Assange, storie agli antipodi”, ricorda che Navalny “ha sfidato un regime sanguinario”, mentre Assange è un “tizio” che “tenta di sottrarsi alle leggi mettendo a repentaglio l’incolumità di chi si batte per la nostra libertà”. Da ex informatore a libro paga della CIA (come confermò lui stesso), Ferrara trasuda ancora una forma di apparente compiacimento per la persecuzione dell’attivista e giornalista australiano. Dalle colonne dello stesso quotidiano, Adriano Sofri, in maniera più felpata, deplora l’eccesso di spazio dedicato ad Assange (ci piacerebbe ci spiegasse dove) e precisa che “Assange piangerà anche dell’abuso che si fa del suo nome per rimpicciolire quello di Navalny”. Bizzarro che si scriva questo, dato che nel giorno del verdetto sulla sorte di Assange, i quotidiani sbattono in prima pagina Putin, Navalny, Salvini, gli immigrati, Yoko Ono e persino Roberto Baggio.

E già, perché, sempre in prima pagina, trovano spazio anche notizie di importanza vitale per i lettori italiani, come “Mio papà Roby Baggio e lo sbarco su Instagram” (sul Corriere della sera). Qua la figlia dell’ex calciatore, di professione social media manager, ci informa che il Divin Codino ha messo da parte la sua tradizionale riservatezza per aprire un profilo su Instagram. Siamo certi che i lettori del Corriere avranno apprezzato l’enfasi e il risalto dati questa grandiosa notizia, al posto della cronaca sulle vicissitudini di quel tizio australiano dal caschetto biondo.

Le profondità delle analisi dei commentatori mainstream, Libero e Il Foglio in primis, fanno in effetti rimpiangere le prime pagine di Repubblica e del Corriere: meglio distrarsi con Yoko Ono e con Roberto Baggio, anziché leggere certe ricostruzioni bizzarre su un giornalista che sta sacrificando la sua vita per amore della verità. La verità. Questa sconosciuta per la maggioranza dei “colleghi”, che cancellano ciò che potrebbe turbare i sonni loro e dei loro padroni, e infestano i quotidiani con indiscrezioni, pettegolezzi e la solita buona dose di terrorismo mediatico.

[di Enrica Perucchietti]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

7 Commenti

  1. Capezzone, Ferrara &C. SERVI VISCIDI del potere che si nascondono dietro la parvenza della democrazia che invece è la più feroce delle dittature. Invito a leggere “IL MONDO NUOVO – Ritorno al mondo nuovo” di Aldous Huxley il quale già nel 1932 denunciava che “la dittatura perfetta avrà sembianza di democrazia. Una prigione senza muri nella quale i prigionieri non sogneranno di fuggire. Un sistema di schiavitù dove, grazie al consumo e al divertimento, gli schiavi ameranno la loro schiavitù.” In questa dorata falsa democrazia il popolo potrà anche morire di fame ma non si ribellerà grazie soprattutto ai servi dell’informazione. Grazie mille volte a tutti i giornalisti dell’Indipendente.

  2. Se non sbaglio era stato incaricato un alto grado (generale?) militare statunitense per trovare le prove di tutte le situazioni dove Wikileaks/Assange avrebbe messo in pericolo la vita delle spie o dei militari occidentali/statunitensi. Risultato? Nessuna prova dopo diversi mesi di ricerche…
    Forse in un caso una spia dovette precipitosamente rientrare per il rischio di essere scoperta, tutti qui i crimini commessi, a parte la lesa maestà dei governi occidentali, USA in primis.
    Tra l’altro l’alto tradimento verso le leggi statunitensi non si capisce essendo Assange cittadino australiano.
    Grazie Enrica per l’articolo!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI