giovedì 20 Giugno 2024

Nel governo israeliano ora si discute apertamente la pulizia etnica finale di Gaza

Durante le riunioni dei vari partiti alla Knesset – il parlamento israeliano – due dei principali partner governativi di Netanyahu hanno proposto la loro soluzione alla questione palestinese: spostare l’intera popolazione araba in Egitto. A dirlo non sono politici qualunque, ma il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir e il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, entrambi esponenti di partiti di estrema destra. Le dichiarazioni dei ministri israeliani, per quanto sconcertanti, non riescono davvero a stupire. Non è la prima volta che piani simili vengono proposti da esponenti di assoluta rilevanza nel mondo intellettuale, politico e imprenditoriale israeliano, ma soprattutto non è possibile fare a meno di notare gli innumerevoli segnali lanciati dall’ideologia sionista, che volge la propria attenzione verso un unico grande scopo: attuare una vera e propria pulizia etnica nei confronti del popolo palestinese. Il governo Netanyahu e i suoi alleati paiono infatti ben lontani dallo sposare la proverbiale soluzione dei due popoli due Stati, e sembrano piuttosto puntare con forza a fare piazza pulita dei palestinesi, mentre l’Occidente sta a guardare.

Dopo l’agghiacciante proposta dei ministri nazional-sionisti, le vere intenzioni israeliane paiono sempre più chiare e sembrano piuttosto lontane dalle continue dichiarazioni di Netanyahu di volersi limitare a sradicare la «minaccia terroristica» di Hamas, tra l’altro smentite ripetutamente dagli esorbitanti numeri di vittime e feriti che emergono quotidianamente. I piani di pulizia etnica sono alla luce del sole sin dall’inizio dell’escalation dei conflitti inaugurata il 7 ottobre, ma in verità sono facilmente riscontrabili all’interno della stessa ideologia del sionismo revisionista, da cui nasce l’idea di Grande Israele come quell’entità politica corrispondente a uno Stato ebraico che dovrebbe insediarsi tra le due rive del Giordano (e dunque non solo in Palestina). Dello stesso revisionismo è figlio, fa bene ricordarlo, il Likud di Netanyahu, che per quanto vesta spesso una maschera più moderata poggia le sue radici proprio in questo movimento ebraico di stampo fascista. È bene ricordare anche che “sionismo” non significa necessariamente questo; nel corso della storia vi sono state più forme di quell’ideologia politica che mira alla costituzione dello Stato di Israele, che non necessariamente portavano al cinico annientamento di una diversa realtà etnica, politica e geografica, eppure oggi l’ideologia predominante è quella revisionista.

È doveroso sottolineare che associare la parola “fascismo” al sionismo revisionista non è una presa di posizione, ma un dato di fatto. Nel suo monumentale Secolo Breve, Eric Hobsbawm (che, ricordiamolo, veniva da una famiglia ebrea) scriveva che il fascismo italiano “esercitò una qualche influenza in direzioni insospettate come su Vladimir Jabotinsky, fondatore del ‘revisionismo’ sionista”; e visti i vari segnali lanciati da Israele negli ultimi mesi, affiancare il termine “fascismo” all’attuale forma di sionismo prevaricante potrebbe risultare addirittura generoso. L’Indipendente ha sempre sottolineato con forza come le azioni condotte da Israele a tutto miravano meno che alla costituzione di un terreno solido su cui edificare la pace. Questo giornale è stato tra i primi e unici a trattare dettagliatamente la questione, facendo da cassa di risonanza a tutti i campanelli di allarme che sono suonati in questo ultimo periodo. Il piano di pulizia etnica israeliano, contro cui la relatrice dell’ONU Francesca Albanese ha lanciato un forte appello, era già visibile dalle condizioni atroci in cui Israele lasciava Gaza a pochi giorni dalla guerra, senza cibo né acqua, ed è stato rimarcato dai grotteschi annunci immobiliari dell’agenzia Harry Zahav.

Il piano di pulizia etnica era in atto sin dal principio, ma è stato confermato dalla pubblicazione di un rapporto a cui L’Indipendente ha dedicato un focus. Le basi per un disastro umanitario non solo ci sono tutte, ma sono già pienamente operative. Non a caso, il Sudafrica ha recentemente denunciato Israele davanti al tribunale dell’Aia, accusandolo di stare compiendo un autentico genocidio. Di fronte a queste continue azioni di repressione condotte da Israele, i Paesi del BRICS hanno già espresso la loro ferma condanna, mentre salvo casi isolati o specifici, il blocco Occidentale ha avuto una reazione fin troppo timida. Nonostante ciò, le proposte dei ministri del governo di Netanyahu non sono passate inosservate, tanto che il portavoce del Dipartimento di Stato USA, Matthew Miller, ha rilasciato una dichiarazione in cui vi si allontana con forza. Alla dichiarazione di Miller è seguita quella di Ben Gvir su X, in cui il ministro sostiene che «la migrazione di centinaia di migliaia da Gaza permetterebbe ai residenti israeliani della striscia di tornare a casa e di vivere in sicurezza».

Dopo l’ennesima riprova delle vere intenzioni di Israele, vista anche la condanna di Miller, si può sperare che l’Occidente si svegli e muti il proprio approccio alla questione. Il tempo dopo tutto stringe, e dopo i continui attacchi, le vittime palestinesi hanno toccato almeno quota 22.313, mentre i feriti hanno raggiunto almeno i 57.296. Come annunciato dal ministro della difesa, inoltre, Israele sta allargando il conflitto, operando attivamente sui fronti libanese e siriano, sui quali ha ucciso alti ufficiali e importantissimi esponenti di Hamas.

[di Dario Lucisano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

7 Commenti

  1. Caro Pisum, sì, ma ora l’ultima ipotesi non è più l’Egitto ma … il Congo! a parte quei 200,000 schiavi che conviene tenere nella striscia. Mi domando: ma perché non in Madagascar dove i nazisti volevano mandare loro in un primo tempo? Sarebbe anche più facile per tutti capire il senso dei corsi e dei ricorsi. Oppure, meglio ancora, potrebbero gasare tutti i palestinesi, tanto sanno come si fa!

  2. Caro Pisum, sì, ma ora l’ultima ipotesi non è più l’Egitto ma … il Congo! a parte quei 200,000 schiavi che conviene tenere nella striscia. Mi domando: ma perché non in Madagascar dove i nazisti volevano mandare loro in un primo tempo? Sarebbe anche più facile per tutti capire il senso dei corsi e dei ricorsi. Oppure, meglio ancora, che li gasino tutti, tanto loro sanno come si fa!

  3. Sono d’accordo con lei signora Alicata.
    Aggiungo che vivendo in un Paese europeo in cui la comunità ebraica (così autodefinita) è cospicua, potente e autorevole, nel corso degli ultimi trent’anni non solo ho frequentato varie situazioni e singoli individui, ma in alcuni casi ci ho pure collaborato professionalmente e ho anche avuto una fidanzata. Mi è sempre stato chiaro e lampante che la questione ebraica sia tabù per chiunque non appartenga a detta comunità; un muro di gomma.
    Ed è davvero singolare e incredibile come “la necessità dello stato d’Israele” (per citare una nota sociologa franco-israeliana, Eva Illouz) sia elevata a dato di fatto ineluttabile ed incontrovertibile, esibita con rara e granitica protervia, tale da non tollerare la pur minima obiezione e tanto meno da chi ebreo non è il quale, per definizione, NON potrà mai capire. Mi chiedo a quali potentissime e violente pressioni sia sottoposto il singolo individuo che, nella strettissima cerchia familiare, osi esprimere idee diverse o addirittura dissidenti; mi chiedo se non pesi sulla testa di ciascuno la spada di Damocle dell’infame tradimento della Memoria.

  4. Grazie D.L. In questa spirale di odio, fascismo e carneficina credo che si debba fare attenzione a non fare un “fascio” di tutti gli israeliani. Sono più di quindici anni che sento in Israele aspre e disperate critiche a Netanyahu, da parte di artisti ed intellettuali. Ricordiamoci che in Italia durante il fascismo erano pochissimi i non iscritti al partito (uno era mio padre) e le discriminazioni e le intimidazioni erano pesanti. Ci sono in Israele ampie parti della società che sono scioccate e sopraffatte dalla situazione ed alcuni gruppi in esplicito contrasto con la linea nazional-sionista, anche nell’esercito, l’Indipendente ne ha dato conto in varie occasioni. Speriamo che questa linea di buon senso ed umanità si conquisti consenso specialmente in Israele e cerchiamo di darle voce.

    • Io davvero non posso capire la posizione di chi rivendica l’esistenza di Israele come un qualche genere di garanzia per chicchesia! Il diritti umani sono degli individui e dei popoli, non sono pertinenti ad entità astratte come gli stati, a meno che questi ultimi non incarnino e garantiscano l’esistenza dei suddetti diritti. Che importa se alcuni israeliani (tutti con il doppio passaporto prchè nessuno è nato sul posto) sono “moderatamente” sionisti invece che integralmente? Certo la misura della condanna sarà diversa , ma la sostanza non cambia: una occupazione abusiva e criminale, fondata su una violenza brutale commessa dal 1947 al 1949 per la “fondazione” dell’autoproclamato stato di israele, riconosciuto dalle nazioni unite in sfregio alla popolazione residente per “risarcire” a spese di terzi (ignari e innocenti dei fatti) i drammi dell’Olocausto. Una ennesima violentissima colonizzazione che deve cessare qui ed ora! Posizioni come la sua sig. Caturegli, ostacolano l’avvento di un nuovo assetto, in cui i diritti di ciascuno siano rispettati in quanto parte dell’umanità, a prescindere dalla religione professata.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI