mercoledì 24 Luglio 2024

La repressione giudiziaria della Turchia sui curdi arriva anche in Italia

La scorsa settimana un cittadino tedesco di origini curde è stato arrestato dalla Digos mentre si trovava in Sardegna in vacanza con la figlia. Devrim Akcadag, 48 anni, è infatti oggetto di un mandato internazionale ai fini estradizionali da parte della Turchia, che lo accusa di essere un “terrorista” e sostenitore del partito curdo dei lavoratori PKK. L’uomo si è detto del tutto estraneo alle accuse. Akcadag è stato inizialmente tradotto nel penitenziario di Bancali, a Sassari, ma il tribunale ne ha successivamente disposto la scarcerazione, nell’attesa che tutta la documentazione riguardante il suo caso venga acquisita e inviata alle autorità turche. Se il tribunale decidesse per l’estradizione, l’uomo rischierebbe fino a 15 anni di carcere in Turchia.

Akcadag, docente universitario e traduttore residente a Berlino, era giunto in Sardegna il 31 luglio per trascorrervi un periodo di ferie estive con la figlia di 10 anni. Ad appena 24 ore dal suo arrivo, tuttavia, l’uomo è stato rintracciato dagli agenti della Digos si Sassari i quali, dopo averlo identificato, lo hanno tradotto nel carcere di Bancali. Secondo il governo turco, infatti, Akcadag, nato in Germania da genitori curdi, è un “fiancheggiatore” del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), motivo per il quale ne è stata chiesta, con un mandato internazionale, l’estradizione in Turchia. Al momento i giudici della Corte d’Appello di Sassari hanno accolto la richiesta di scarcerazione presentata dall’avvocato dell’uomo, imponendo tuttavia l’obbligo di dimora. Akcadag si trova ora nel centro dell’Associazione sarda contro l’emarginazione (ASCE) di Selargius. L’intera vicenda è stata denunciata da un comunicato rilasciato da COBAS Scuola Sardegna.

La definizione di “gruppo terroristico” operata dalla Turchia nei confronti del PKK è un atto del tutto strumentale, funzionale alla repressione messa in atto da Erdogan contro la popolazione curda. Risulta curioso, inoltre, che le accuse nei confronti di un presunto terrorista siano state del tutto ignorate in Germania, dove Akcadag svolgeva normalmente le proprie mansioni, ma non in Italia, dove è stato immediatamente arrestato. Come fatto notare nel comunicato di COBAS, “la qualificazione del PKK come organizzazione terroristica è talmente fuorviante e talmente strumentale che le magistrature dei Paesi UE maggiormente interessati alla presenza curda la ignorano di fatto (come Francia e Germania, ) o addirittura la contraddicono in diritto (come il Belgio)”.

A seguito dell’allargamento della NATO, Erdogan ha colto la palla al balzo per trasformare i curdi in merce di scambio: sì all’ingresso di Svezia e Finlandia, ma solo a patto che vengano consegnati i “terroristi” del PKK che trovano rifugio in questi Paesi. D’altronde, «Prima o poi spaccheremo la testa al PKK» aveva dichiarato apertamente. COBAS sottolinea che, in questo contesto, la vicenda di Akcadag è “la prova del fatto che Erdogan intende fondare i rapporti bilaterali tra Stati, ivi compreso il rapporto tra Turchia e Italia, sull’utilizzazione dei curdi come ostaggi, quindi sull’impostazione dei rapporti diplomatici in chiave di ricatto”. D’altronde, la “lotta comune contro il terrorismo” era stato uno dei punti chiave dell’incontro tra la neo-insediata presidente del Consiglio Giorgia Meloni ed Erdogan, avvenuto lo scorso novembre a margine del G20 e finalizzato a distendere i rapporti tra i due Paesi e “rafforzare le relazioni bilaterali”.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI