giovedì 20 Giugno 2024

L’oppositore di Putin Alexei Navalny è stato condannato ad altri 19 anni di carcere

Il principale oppositore di Putin Alexei Navalny è stato condannato a scontare altri 19 anni in carcere di massima sicurezza come conseguenza di sei accuse, tra cui incitamento e finanziamento di attività estremiste e creazione di un’organizzazione estremista. La condanna si sommerà ai 9 anni di carcere stabiliti dal tribunale di Lefortovo di Mosca il 22 marzo 2022 per frode e oltraggio della corte. Alla vigilia della sentenza l’oppositore del Cremlino aveva detto di aspettarsi “una condanna stalinista” e su Twitter aveva ricordato che nei suoi confronti la pubblica accusa aveva chiesto 20 anni. Sempre su Twitter, Navalny ha commentato la condanna scrivendo: «Vogliono spaventare voi, non me, e privarvi della volontà di resistere. Vi stanno costringendo a consegnare la vostra Russia senza combattere la banda di traditori, ladri e furfanti che si sono impadroniti del potere. Putin non deve raggiungere il suo obiettivo. Non perdete la volontà di resistere».

Da Bruxelles è arrivata la ferma condanna alla sentenza e tra i motivi ci sarebbe anche il fatto che le udienze si sono svolte in un ambiente chiuso, inaccessibile alla sua famiglia e agli osservatori e in una colonia penale a regime rigoroso fuori Mosca. Josep Borrell, alto rappresentante UE per la politica estera e di sicurezza, ha definito Navalny come «l’ennesimo esempio della continua repressione sistematica da parte delle autorità russe», ribandendo l’invito a rilasciarlo «immediatamente e senza condizioni». Borrell ha poi ricordato la sua «profonda preoccupazione per le segnalazioni di maltrattamenti ripetuti, misure disciplinari ingiustificate e illegali e vessazioni equivalenti a torture fisiche e psicologiche da parte delle autorità carcerarie nei confronti di Navalny», aggiungendo che «la leadership politica della Russia è responsabile della sua sicurezza e salute, di cui sarà tenuta a rendere conto”. Anche il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha condannato la sentenza, definendola «verdetto farsa» e dichiarandola «inaccettabile».

Alexei Navalny è considerato il leader dell’opposizione russa ed è il fondatore della Fondazione Anticorruzione, che lo ha portato a diventare noto per le sue indagini anticorruzione contro società statali russe e alti funzionari. È nato nel 1976 in una cittadina della provincia di Mosca e fin da giovane è stato attivo nell’opposizione russa. Nel 2008 venne cacciato dal partito Narod per affermazioni xenofobe. Si è poi trasferito negli Usa per un periodo di formazione all’Università di Yale, dove ha ricevuto una borsa di studio nel 2010. Ad agosto 2020 è stato curato per un avvelenamento che ha fatto temere per la sua vita. Un episodio che, secondo Navalny e un’indagine congiunta di The Insider, Bellingcat, CNN e Der Spiegel, avrebbe coinvolto i servizi segreti russi, i quali secondo l’inchiesta stavano sorvegliando l’oppositore da almeno 3 anni. Dal 2020 sono state imposte sanzioni contro persone ed entità responsabili dell’avvelenamento, dell’arresto arbitratio, dell’accusa e della condanna di Navalny.

[di Roberto Demaio]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI