venerdì 19 Luglio 2024

La storia si ripete: cosa sappiamo del naufragio nel Peloponneso

Durante la notte fra il 13 e il 14 giugno un ex peschereccio partito dalla Libia con a bordo tra i 400 e i 700 migranti è naufragato al largo (poco meno di 100 chilometri) del Peloponneso, una regione della Grecia meridionale. I numeri diffusi dalle autorità greche dicono che, ad oggi, hanno perso la vita almeno 79 persone, e che ne sono state soccorse poco più di 100. Cifre che, seppur ancora incerte e imprecise – e che con molta probabilità si aggraveranno - raccontano già di una delle peggiori catastrofi in mare degli ultimi dieci anni: è improbabile, infatti, che siano ritrovati altri supe...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. E aggiungo: oltre a sottolineare l’eventuale interesse di frontex e governi a non soccorrere per non doversi poi sobbarcare la successiva accoglienza, perché non segnalare anche quello dei criminali (che sfrutteranno tali esseri umani), nel diffondere tali concetti per evitare che si cominci finalmente a vedere la cosa come un problema da limitare e magari risolvere, piuttosto che da incentivare?

  2. Non capisco perché si prendano sempre automaticamente per buoni i “rapporti” (basati spesso su testimonianze e documenti guarda caso confidenziali) di organizzazioni di cui noi poveri mortali non sappiamo nulla, se non i nomi effettivamente molto suggestivi (vedi questa “lighthouse reports”), e mai una volta si faccia riferimento al fatto che bisogna riformare completamente un sistema in cui tante persone si mettono alla mercé di criminali, spendendo spesso cifre esorbitanti, specialmente per le loro risorse, per raggiungere finti paradisi europei dove qualcuno li ha convinti che i loro problemi spariranno d’incanto…

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI