lunedì 24 Giugno 2024

L’Irlanda è il primo Paese europeo a mettere l’avviso “nuoce alla salute” sull’alcol

Con la conversione in legge del regolamento, l’Irlanda è ufficialmente diventata il primo Paese europeo a prevedere che agli alcolici – incluso il vino – venga applicata un’etichettatura con avvertenze sanitarie – come già accade con i pacchetti di sigarette – e con su scritto “nuoce gravemente alla salute”. La normativa, la cui notizia di entrata in vigore è stata divulgata da Stephen Donnelly, Ministro della Salute, stabilisce che le etichette dei prodotti alcolici indichino le calorie e i grammi di alcol contenuti all’interno del prodotto. Queste dovranno inoltre avvertire il consumatore dei rischi a cui si va incontro assumendo alcol durante la gravidanza e sulla possibilità di sviluppare malattie del fegato e tumori mortali dovuti al consumo della sostanza.

La legge entrerà in vigore fra tre anni, cioè dal 22 maggio del 2026. «Sono lieto che siamo il primo Paese a compiere questo passo. Non vedo l’ora che altri seguano il nostro esempio», ha commentato Donnelly. Tuttavia la decisione irlandese ha suscitato dubbi e perplessità in diversi Stati, tra cui l’Italia, la cui economia dipende molto dalla produzione e dall’esportazione del vino. Coldiretti ha definito la normativa «terrificante», un «attacco diretto», «un pericoloso precedente che rischia di aprire la porta ad altre normative in grado di influenzare negativamente le scelte dei consumatori».

In generale diverse associazioni europee – oltre a quelle nazionali – impiegate in materia hanno presentato reclami ufficiali alla Commissione UE, chiedendo che quest’ultima apra una procedura di infrazione contro l’Irlanda.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI