martedì 18 Giugno 2024

La Polonia contro Pfizer: “i contratti sui vaccini anti-Covid vanno modificati”

Nel pieno della pandemia da Covid-19, la Commissione europea strinse un accordo con Pfizer, prevedendo la fornitura di 1,1 miliardi di dosi di vaccino. Secondo gli impegni presi, l’Unione europea dovrebbe continuare ad acquistare il prodotto di punta targato Pfizer/BioNTech anche quest’anno, nonostante i dati sul Covid e la decisione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che lo scorso 5 maggio ha dichiarato la fine dell’emergenza pandemica disposta a gennaio 2020. Alla luce di tale evoluzione, il ministro della Salute polacco Adam Niedzielski ha chiesto a Pfizer di rivedere i contratti di acquisto dei vaccini «per alleggerire l’onere finanziario» ed evitare che migliaia di dosi vengano sprecate. Il colosso statunitense «non è disposto a mostrare un livello soddisfacente di flessibilità e a fare proposte realistiche che rispondano alla mutata situazione sanitaria in Europa», ha scritto Niedzielski nella lettera indirizzata a Pfizer.

La richiesta avanzata alla multinazionale statunitense segue due direttrici, che partono da Bruxelles e Varsavia. Anche la Commissione europea starebbe, infatti, tentando di rinegoziare gli accordi ma invano. Così, a marzo ha autorizzato la Polonia ad agire autonomamente per modificare il contratto con Pfizer. Da qui la lettera inviata dal ministro della Salute Adam Niedzielski, che ha scritto: «anche il profitto negli affari dovrebbe avere i suoi limiti». Si tratta del primo Paese membro ad avanzare la richiesta di rinegoziazione dei contratti sui vaccini anti-Covid per ridurne le forniture. «Dato l’andamento della pandemia, la maggior parte delle dosi verrà distrutta a causa della domanda e della durata di conservazione limitata», ha fatto notare l’esecutivo polacco.

Nelle ultime ore, i contratti tra l’Unione europea e Pfizer sono tornati al centro del dibattito pubblico. A febbraio, il quotidiano statunitense New York Times aveva citato in giudizio la Commissione europea per non aver reso pubblici i messaggi che la presidente Ursula von der Leyen ha scambiato con il CEO di Pfizer Albert Bourla nel 2021 in merito all’acquisto dei vaccini contro il Covid-19. Prima dell’iniziativa giudiziaria era intervenuto il Mediatore europeo Emily O’Reilly. Secondo l’organo comunitario, la Commissione avrebbe lavorato all’insegna della cattiva amministrazione in riferimento alla richiesta, avanzata dal giornalista Alexander Fanta, di recuperare i messaggi e pubblicarli. Una mancata cooperazione che stride con i valori e i principi inseriti nei trattati fondativi dell’Unione europea.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

  1. Difficile promuovere un’azione in questo senso quando a capo della Commissione c’è un medico, convinto assertore della bontà dei vaccini (e dei sieri genici) ed in odore di conflitto di interessi. C’è da augurarsi che la stampa libera continui a fare informazione su questa torbida faccenda.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI