venerdì 14 Giugno 2024

I costi insostenibili della transizione ecologica europea

Nell’ambito del Green Deal europeo – l’insieme di iniziative politiche promosse dalla Commissione per dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2030 e azzerarle entro la metà del secolo – il Parlamento comunitario ha approvato, lo scorso 18 aprile, quella che è stata definita «la più grande legge sulla protezione del clima di tutti i tempi», ossia un pacchetto di proposte denominato Fit for 55. Quest’ultimo è costituito da tre pilastri volti a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050: il primo riguarda la riforma dell’Ets (Emissions trading system - il Sistema europeo di scambio di quote...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

5 Commenti

    • Condivido la linea di fondo ipotizzata dalla UE x il contenimento della gravissima crisi climatica in essere con la riduzione delle emissioni di CO2 e gas clima alteranti. Manca – purtroppo – in quel complesso e complicato insieme di misure ( peraltro e’ noto che – da sempre – Bruxelles sa eccellere solo in burocrazia e burocratese ) ogni riferimento alla miglior fonte energetica sostenibile oggi disponibile: il moto marino. Solo Il Portogallo sta investendo intelligentemente in quel comparto, mentre l’Italia, con 8000 km di coste, non fa nulla e l’ENI utilizza il prototipo per lo sfruttamento delle onde marine – messo a punto dal politecnico di Torino – sulla propria piattaforma off-shor per estrarre petrolio!!! Tale tecnologia permetterebbe – almeno in Italia visti i km di costa di cui dispone – di produrre tutto il proprio fabbisogno di energia a prezzi molto, molto bassi contribuendo o annullando i paventati costi della “ transizione ecologica “ e della sua sostenibilità.
      Mi chiedo perché non se ne parli e chiedo all” Indipndente “ di approfondire e fare informazione nel merito

      • Non sono un esperto di onde marine ed energia, ma mi chiedo quanto possano competere i nostri 8000 km di coste di mare chiuso con le imponenti onde oceaniche del Portogallo…certamente molto piu’ produttive…
        Siamo in presenza dei soliti “fighetti green” per i quali un bagno di realta’ sarebbe salutare…

  1. Quanto CO2 genera la produzione del pannello fotovoltaico?…e siccome sono tutti importati, la tassa li renderebbe già ora invendibili. Follia, l’unico vero obbiettivo è impoverire ulteriormente il ceto medio.

    E poi, finiamola con questa barzelletta dei fondi (tanti, giusti, pochi) …i soldi lo stato non li ha e tanto meno li ha la UE che li preleva dagli stati. I fondi sono soldi dei cittadini prelevato con le tasse, smettetela di descriverli come manna caduta dal cielo – sono un esproprio anticipato.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI