martedì 18 Giugno 2024

In migliaia tornano a protestare in tutta Italia per il decreto anti-rave

A quattro mesi dalle proteste per l’approvazione del decreto anti-rave, migliaia di manifestanti sono ritornati in piazza «per difendere il diritto alle identità», come più volte affermato durante i cortei di Torino e Bologna. La Street Rave Parade ha coinvolto sabato scorso più di quindicimila persone, quasi tutte riunite nel capoluogo emiliano, con alcune centinaia di manifestanti che hanno invece sfilato da piazza Arbarello fino a piazza Vittorio a suon di musica. Sul primo dei dieci carri disseminati nel colorato serpentone bolognese svettava lo striscione “Lo Stato uccide”. Nei prossimi giorni la manifestazione anti-decreto Rave si terrà a Napoli, Aquila e Firenze, approdando a Milano il primo maggio.

«È una misura che ci fa diventare gli ennesimi nemici pubblici degni di essere perseguiti, intercettati, repressi e arrestati con pene davvero esagerate, che vanno a colpire la nostra voglia di aggregarci spontaneamente e di ballare lontani dai locali e dal business del divertimento notturno», hanno dichiarato i presenti alla Street Rave Parade. A Bologna, il corteo pacifico ha lasciato i Giardini Margherita intorno alle 16 in direzione Parco Nord, sfilando per la città tra musica e rivendicazioni. Alla protesta nei confronti del decreto anti-rave varato nel dicembre scorso dal governo Meloni, si è affiancata l’opposizione al regime del 41-bis e al proibizionismo delle droghe leggere. La Questura ha fatto sapere che nel corso della Street Rave Parade “non sono state rilevate turbative dell’ordine e della sicurezza pubblica”.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI