martedì 18 Giugno 2024

Olanda: ok all’eutanasia per i bambini incurabili e che soffrono in modo “insopportabile”

Il Governo dei Paesi Bassi, guidato dal Primo Ministro Mark Rutte, ha annunciato che d’ora in poi potrà avere accesso all’eutanasia chiunque abbia compiuto almeno un anno di vita e sia affetto da malattie incurabili e che «soffrono senza speranza e in modo insopportabile». Le modalità d’accesso alla pratica saranno piuttosto complicate, vista la delicatezza della questione: esistono regole e condizioni ben precise, che passano dalla discussione con la famiglia del minore, al consenso, fino alla certificazione medica dell’insostenibilità della sofferenza fisica del paziente. Un terzo professionista, inoltre, non coinvolto nella storia clinica del bambino, prima di concedere l’autorizzazione finale dovrà valutare se sono stati rispettati tutti i requisiti richiesti dalla legge.

In realtà nel Paese tale procedura medica era già legale dal 2002, ma solo per persone dai dodici anni in su – per i minori con un’età compresa tra i 12 ei 16 anni è richiesto il consenso del genitore, non vincolante invece per quelli tra i 16 e 18 anni. In altre parole, la decisione del Governo amplia una normativa già esistente, «sanando così un vuoto di legge e facendo giustizia». Colmando, di fatto, uno spazio che creava, a detta di Rutte, disparità.

All’eutanasia, secondo Kuipers, Ministro della Salute, accedono circa 5-10 bambini all’anno, «un piccolo gruppo di persone con malattie terminali – o anomalie del cervello o del cuore – che soffrono senza speranza e in modo insopportabile, le cui opzioni di cure palliative non sono sufficienti per alleviare le loro sofferenze e che dovrebbero morire nel prossimo futuro. Per loro l’interruzione della vita è l’unica alternativa ragionevole».

«Si tratta di un tema particolarmente complesso che affronta situazioni molto strazianti. Situazioni che non augureresti a nessuno. Sono lieto che, dopo un’intensa consultazione con tutte le parti coinvolte, siamo giunti a una soluzione che ci consente di aiutare questi bambini malati terminali, i loro genitori e anche i loro medici», ha aggiunto Kuipers.

I Paesi Bassi sono stati il primo Paese al mondo ad aver legalizzato l’eutanasia, ma è stato il Belgio, nel 2014, ad averla estesa per primo ai minori di tutte le età.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI