mercoledì 24 Luglio 2024

La ribellione dei veterinari trentini: non uccideremo l’orsa JJ4

“Si sollecitano i colleghi professionisti veterinari addetti a vario titolo, e iscritti presso l’Ordine della provincia di Trento, a non assumere alcuna iniziativa che possa provocare la morte del soggetto per eutanasia, se non in precedenza concordata con il presente Ordine”: è quanto ha deliberato l’Ordine dei Veterinari della suddetta provincia, che con voto favorevole e all’unanimità si è schierato contro l’uccisione dell’orsa JJ4. A renderlo noto, tramite un comunicato stampa, è stato lo stesso Ordine dei veterinari, i quali dovrebbero dare seguito all’eventuale provvedimento di abbattimento dell’animale che ha ucciso il runner Andrea Papi ma che, a quanto pare, non metteranno fine alla vita dell’orsa nel caso in cui si decidesse di procedere in tal senso. Una decisione alquanto rilevante, soprattutto perché arrivata in seguito alla conferenza stampa del presidente della Provincia autonoma Maurizio Fugatti sulla cattura dell’orsa, durante la quale si è parlato anche di eutanasia. “Contrariamente a quanto lasciato intendere in occasione della conferenza dal presidente Fugatti, non vi è stato alcun confronto né con il presente Ordine né con altri professionisti veterinari delegati in materia”, si legge nella nota dell’Ordine, il quale aggiunge che “pertanto non può esserci stata alcuna condivisione sul parere espresso dal governatore”.

La scelta di schierarsi contro l’eutanasia, ad ogni modo, non è di certo casuale, trattandosi di una decisione presa “a tutela e nel rispetto del Codice Deontologico” e basata su una serie di considerazioni rilevanti. “Lo stato di salute dell’esemplare JJ4 non giustifica l’intervento eutanasico d’urgenza, così come prospettato in conferenza, ma richiede un’analisi complessiva della gestione dei plantigradi presenti sul territorio provinciale” si legge infatti nella nota, in cui poi si sottolinea che “non si rilevano al momento pericoli verso la popolazione in quanto JJ4 risulta catturata e custodita” e che “l’orso risulta specie protetta tutelata con legge dello Stato”. Infine, ultimo ma non meno importante, il fatto che “alcune associazioni private si sono offerte di pagare l’eventuale costo di trasporto in altri spazi, anche al di fuori del territorio nazionale, senza alcun aggravio di spese pubbliche”.

A tal proposito, tra le associazioni che premono per trasferire l’animale in un luogo idoneo a farlo vivere serenamente c’è la LAV (Lega Anti Vivisezione), che ha individuato due santuari-rifugi dove l’orsa, insieme ad altri due esemplari considerati problematici, potrebbe essere portata. Secondo quanto comunicato dall’associazione, infatti, il Gnadenhof für Bären, in Germania, e l’Al Ma’wa for Nature and Wildlife, in Giordania, sono “pronti ad accogliere immediatamente gli orsi condannati a morte”, motivo per cui “si rende inutile il provvedimento di uccisione degli animali”. “Una soluzione che non prevede violenza c’è e non può essere ignorata”, sottolinea dunque la LAV, che chiede alla Provincia di affidarle la custodia dei tre orsi così da poter procedere con il loro trasferimento.

Al momento, però, il Presidente Fugatti sembra fermo sulle sue posizioni, essendo state finora “innumerevoli le mancate risposte” da parte sua. Tra queste, ultime in ordine di tempo le non risposte ad una richiesta di incontro con l’associazione e di “visitare l’orsa JJ4 al Casteller”, dove l’animale è stato trasferito in attesa della decisione finale del TAR (Tribunale amministrativo regionale). L’ordinanza di abbattimento emessa dal presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, è stata infatti sospesa dal TAR fino all’udienza fissata per l’11 maggio, in cui i giudici saranno chiamati ad esprimersi definitivamente sulla condanna a morte dell’animale. Ad essere al momento certo, però, è il fatto che i tre cuccioli dell’orsa dovranno sopravvivere lontani dalla madre, cercando di compiere una vera e propria impresa. I cuccioli di orso bruno, infatti, rimangono con la madre anche fino a quattro anni, mentre i tre orsi lasciati soli hanno circa 15 mesi. Sarà anche per questo che la LAV – per bocca del Responsabile Area Animali Selvatici Massimo Vitturi – si dice preoccupata per i cuccioli, che tra l’altro potrebbero «spingersi verso i centri abitati in cerca della mamma ed imbattersi nuovamente negli esseri umani».

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

8 Commenti

  1. La situazione è più complicata e con responsabilità da ricercarsi a livello prevalentemente politico ma non solo. Sono anche parzialmente d’accordo con il sig. E. Asian Lynx di cui però aborrisco l’anonimato. E qui colgo l’occasione per rivolgere la seguente richiesta a tutta la redazione de “L’indipendente”. Un giornale online, moderno, serio, con ottimi giornalisti, con articoli selezionati ma approfonditi, a pagamento, non dovrebbe tollerare tra i propri commentatori l’anonimato, dietro cui si nasconde o l’incapacità di argomentare senza offendere o la paura inconscia di scrivere ciò che si pensa. ( Per impedire l’ anonimato basterebbe, al momento dell’iscrizione comunicare il proprio codice fiscale…). Un giornale come L’indipendente può veramente smuovere le coscienze e creare una comunità di persone con un pensiero libero ed “indipendente”😊 che però non possono e non devono rimanere anonime. Purtroppo, se prevarrà questa via editoriale, anche se a malincuore non potrò rinnovare l’abbonamento.
    Cordiali saluti. Walter Beretta

    • L’INDIPENDENTE HA GIA’ I MIEI DATI. Ha anche un video del sottoscritto.
      L’anonimato è una mia scelta personale. La privacy è un diritto, poiché questo non è un circolo privato, ma un giornale online che TUTTI possono leggere. Almeno in parte. E poi, non ne hai abbastanza di gente/enti/intelligenze artificiali/agenti Smith e compagnie che chiedono documenti, codici, identità, riconoscimenti, CONTROLLI… ???
      E’ vero, uno può sentirsi offeso da “ignorante, vendicativo, emotivamente infantile ecc..” e lo sfogo può per alcuni risultare eccessivo. Mi ricordo di aver letto commenti su articoli di Covid, Vaccini, capi di Governo ecc.. in alcuni casi non poi così tanto dissimili.
      E per finire, la storia del “se non fate così me ne vado”, non la si può più sentire.
      Mi sembra che la stragrande maggioranza dei commenti sull’Indipendente siano sempre corretti, pertinenti e non offensivi. Quindi, dai, supera questa rigidità dell’anonimato e del commento eccessivo, e continuiamo a seguire e sostenere l’Indipendente insieme. Piuttosto bacchettami con una tua replica, come hai fatto adesso; leggo sempre con attenzione i tuoi commenti e ragionamenti, trovandomi quasi sempre molto in accordo.

      Se proprio non ce la fai, e se sono l’unico ad avere un nick, (o un nome diverso) senza problemi lascerò io il rinnovo dell’abbonamento (che mi scade tra poco), magari sostenendo con saltuarie donazioni esterne questo bel giornale.

      Un caro saluto
      Lince Euro Asiatica
      (Questo è il mio nome – “spirito” di battaglia che ho scelto. E a questo non rinuncio.) AUGH!

      • Gentili Walter e Asian Linx: la possibilità di utilizzare uno pseudonimo è una garanzia di libertà nonché di protezione verso ogni utente e non c’è motivo di limitarla. L’anonimato permette anche ad alcuni – magari potenzialmente esposti a problemi lavorativi o di possibili ritorsioni di altro tipo – di sentirsi liberi di esprimere la propria opinione. Inoltre, a differenza di molte testate, non censuriamo alcun commento perché scomodo o critico. L’unica regola che si chiede di rispettare è quella di mantenere la discussione sempre civile ed educata. Del resto ogni lettore, anche se anonimo, è responsabile di quanto afferma nei suoi commenti (anche legalmente nel caso in cui offendesse altri utenti) e i suoi dati anagrafici reali sono a noi visibili.

        Un saluto, Andrea Legni

        • Come già da me esposto, non potrei essere più d’accordo con la sua chiarificazione! Grazie Direttore per il tempo dedicatoci e a tutta la redazione grazie per il vostro nobilissimo impegno quotidiano!

          Viva L’INDIPENDENTE e la sua “giovane” comunità!

  2. Grazie a tutti i veterinari e gli esseri umani che hanno Anima e Cuore per gli altri esseri viventi ed il Creato! Non lasciamo spazio al diffondersi di ignoranza disinformazione ed insensibilità tecno-umanoide! Abbasso leghisti cacciatori Covidioti ed egoisti suprematisti. E chi vuole aggiungere è il benvenuto. BOICOTTIAMO IL TRENTINO!

  3. E sto pezzo di ignorante, vendicativo, emotivamente infante, cacciatore assassino ha pure la faccia di dire che tutti fanno gli animalisti ma nessuno vuole prendersi gli orsi. Li avete reintrodotti voi ed è l’ambiente ideale il Trentino, come l’Abruzzo, se non si suoera un cero numero di esemplari. Ci vorrebbe solo intelligenza ed ascoltare gli esperti. Se uno muore per una puntura d’ape cosa fa…? E se un cacciatore uccide una persona?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI