sabato 25 Maggio 2024

Covid, assolto Leonardo Facco: incitare alla disobbedienza non è reato

Assolto perché “il fatto non costituisce reato“. È questo il verdetto del Tribunale di Forlì sul caso dello scrittore Leonardo Facco, cui venivano addebitate espressioni ritenute offensive contro le istituzioni statali in tema di green pass e campagna vaccinale. Facco era accusato di “Vilipendio della Repubblica e delle istituzioni costituzionali e delle Forze Armate” (art. 290 c.p., poi derubricato e archiviato per difetto di querela) e “Istigazione a disobbedire alle leggi” (art. 415 c.p.). Facco, nota voce del Movimento libertario, fin dalla fase iniziale della pandemia si era schierato contro la gestione sanitaria della lotta al Covid, invitando i cittadini a disobbedire ad alcune misure pandemiche e a sabotarle pacificamente. Posizioni che gli erano valse il processo che oggi vede la fine con la completa assoluzione.

Emettendo nei suoi confronti una richiesta di decreto penale di condanna a due mesi di reclusione – convertiti però in una pena pecuniaria di 4500 euro -, la Procura di Forlì aveva fatto riferimento a due episodi, entrambi avvenuti nella cornice delle manifestazioni della campagna No Paura Day. A Cesena, il 3 aprile 2021, davanti a 150 persone Facco aveva detto: «Resistere… resistere… disobbedire… di più… ci hanno dichiarato guerra… boicottare, dobbiamo boicottare tutti questi covidioti… bisogna sabotare, bisogna sabotare… l’importante è non aggredire le persone, non far del male agli individui… ma il fatto che un giorno un centro vaccinale non funzioni più non è un gran male per nessuno». Poi, intervenendo a Cesenatico il successivo 18 ottobre, lo scrittore libertario aveva affermato: «Scegliamo strategicamente un sacco di posti in tutta Italia dove i No Paura Day possono nascere e così altre associazioni… dove ci sono le strisce pedonali, dove passano i camion, quelli che devono portare le cose e ci mettiamo in 500 in ogni punto, 500 ne voglio in ogni punto. E lo facciamo! E lo facciamo in massa! In massa dobbiamo farlo!».

Ad accogliere con entusiasmo la sentenza, un nutrito gruppo di sostenitori di Facco, che si sono riversati festanti sulle scalinate del Tribunale. A margine dell’udienza, lo scrittore ha parlato alla folla: «Io vi ringrazio di cuore, perché questa è veramente la vittoria di ognuno di voi», ha detto. Successivamente, ha rilasciato una dichiarazione a un cronista: «Si è dovuti venire in un’aula di Tribunale per ribadire un concetto fondamentale: quello di garantire a tutti la libertà di espressione, di critica, e anzi di più, di resistenza. Oggi vince la libertà, quella libertà che è incarnata in ciascuno di noi». A esprimere soddisfazione anche il legale dello scrittore, Alessandro Fusillo, che su Twitter ha scritto: «Facco assolto dal tribunale di Forlì. Disobbedire non è reato. La libertà di parola ha trionfato. Grazie a tutti quelli che sono venuti a sostenerci!».

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI