martedì 18 Giugno 2024

La polizia israeliana entra in moschea e picchia palestinesi disarmati: 200 feriti [video]

Nella notte, la polizia israeliana ha fatto irruzione nella moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme colpendo decine di fedeli palestinesi con manganelli e calci di fucile. Il complesso religioso di cui fa parte la moschea rappresenta il terzo santuario più sacro dell’Islam e il sito più sacro del giudaismo. I palestinesi, mentre svolgevano i riti del Ramadan, si sono chiusi all’interno dell’edificio sacro in previsione dell’arrivo dei fedeli israeliani che celebrano la Pasqua sulla spianata delle moschee. Qui, la polizia israeliana ha lanciato lacrimogeni e bombe stordenti per sgomberare l’area ma i palestinesi hanno risposto con fuochi d’artificio e pietre. I video che circolano in rete mostrano la violenza con cui l’esercito occupante si è scagliato sui fedeli, provocando oltre 200 feriti, tra cui diversi bambini. Sono state effettuate, inoltre, decine di arresti. Da tutta la Palestina sta iniziando la mobilitazione a difesa di Al-Aqsa.

Le autorità palestinesi hanno prontamente condannato l’attacco ai fedeli. Il portavoce del presidente Mahmoud Abbas ha avvertito Israele che questa mossa «supera tutte le linee rosse e porterà a una esplosione del conflitto». Ha fatto seguito il lancio di diversi razzi dal nord della Striscia di Gaza verso Tel Aviv, in parte intercettati dal sistema anti-missile israeliano in parte caduti in aree aperte. Il complesso della moschea nella Città Vecchia di Gerusalemme est, occupata da Israele nel 1967, è già stato in passato teatro di scontri tra palestinesi e israeliani, in particolare durante il mese di digiuno musulmano del Ramadan. Lo scorso aprile, l’esercito occupante fece irruzione nel complesso della moschea di Al-Aqsa mentre i fedeli erano riuniti per le preghiere del mattino, due giorni dopo aver arrestato centinaia di persone presenti nello stesso edifico sacro. Allora, le autorità israeliane giustificarono l’irruzione nel complesso affermando che l’obiettivo fosse quello di “facilitare le visite di routine degli ebrei al luogo sacro”. A distanza di un anno, le violenze si sono ripetute per “espellere degli agitatori”. L’associazione a difesa dei diritti umani Mezzaluna Rossa Palestinese ha riferito che i militari israeliani hanno impedito ai medici di raggiungere la moschea di Al-Aqsa, ostacolando le operazioni di soccorso.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

  1. Vergognoso è dire poco! Quando smetteranno di far sopprusi a gente inerme. Hanno ucciso diversi bambini l’anno scorso, nell’indifferenza generale! Forse non si ricordano più di come loro sono stati trattati molto anni fa.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI