domenica 23 Giugno 2024

L’OMS stravolge le linee guida: retromarcia sui vaccini ai bambini

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nell’ultimo documento contenente le raccomandazioni sulla gestione della pandemia da coronavirus, ha ridimensionato l’utilità dei vaccini a bambini e adolescenti sani. Il gruppo di esperti dell’OMS ha rivisto la tabella di marcia in merito alla “convenienza della vaccinazione Covid-19 per le persone a basso rischio, vale a dire bambini e adolescenti sani”, specificando che “l’impatto sulla salute pubblica della vaccinazione di tali soggetti è molto inferiore ai benefici stabiliti dei tradizionali vaccini essenziali per i bambini, come i vaccini coniugati contro il rotavirus, il morbillo e lo pneumococco”. Il documento specifica chiaramente che, per quanto riguarda bambini e adolescenti sani, occorre valutare caso per caso il “rapporto costi-benefici” prima di procedere alla vaccinazione.

Il cambio di rotta dell’OMS avviene a distanza di quasi due anni dai primi appelli e studi che esprimevano non poco scetticismo nei confronti della vaccinazione a bambini e adolescenti sani.

Nel documento pubblicato il 28 marzo, l’OMS ha stabilito tre fasce di priorità per la vaccinazione contro il Covid-19: alta, media e bassa. L’inserimento degli individui nei tre gruppi avviene sulla base di diversi fattori, tra cui il rischio di malattie gravi e di morte in caso di contrazione del virus, le prestazioni del vaccino (efficacia e convenienza) e “l’accettazione della somministrazione da parte della collettività di riferimento”. Il gruppo a bassa priorità include bambini e adolescenti sani, dunque non affetti da particolari malattie (come il diabete) o immunodepressi. Per questi soggetti, l’OMS invita i Paesi che intendono continuare con la vaccinazione anti-Covid a riflettere sul rapporto costo-benefici di questi ultimi. Si tratta dell’ultimo tassello in materia sanitaria che si aggiunge ai tanti giudiziari documentati sulle pagine de L’Indipendente e in qualche modo riaprono il dibattito sulla gestione pandemica da parte delle autorità.

La scorsa estate uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet e realizzato dagli scienziati dell’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute italiano aveva rivelato che l’efficacia del vaccino contro il Covid sui bambini nella fascia di età 5-11 anni fosse molto più bassa di quanto si pensasse. Su quasi 3 milioni di bambini osservati, dei quali 1,1 milioni vaccinati e 1,7 milioni non vaccinati, lo studio aveva indicato una copertura inferiore al 30% per l’infezione e del 41,1% appena contro lo sviluppo di forme gravi della malattia. A luglio 2022, il direttore generale dell’Autorità sanitaria danese, Søren Brostrøm, si scusò pubblicamente per aver somministrato ai bambini un vaccino che «non ha prodotto grandi risultati in ottica controllo dell’epidemia».

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

7 Commenti

  1. Tra altri 2 anni arriveranno a cambiare rotta anche per TUTTI coloro che non soffrono di alcuna patologia cronica (significa anche non essere nè obesi nè ipertesi)per i quali la probabilità di morte in caso di contagio era bassissima. Ma nel frattempo le multinazionali del farmaco hanno VENDUTO miliardi di vaccini!!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI