sabato 28 Gennaio 2023

I beni culturali in Italia sono realmente un bene pubblico?

Negli scorsi giorni Gennaro Sangiuliano, Ministro della Cultura dell’attuale Governo Meloni, è stato duramente criticato per aver appoggiato la scelta del direttore degli Uffizi, uno dei musei più famosi del mondo per le sue straordinarie collezioni di dipinti e di statue antiche, di aumentare il prezzo del biglietto d’ingresso del museo di Firenze, da 12 a 25 euro (a partire dal primo marzo 2023). «Se una cosa ha un valore, deve anche essere un po’ pagata», ha ribadito il deputato. Una visione che a molti addetti al settore è sembrata piuttosto classista: come se dei beni culturali, in altre ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Un adeguamento giustificabile del prezzo del biglietto dovrebbe fare riferimento all’inflazione ufficiale e ad un aumento ponderato di diverse voci di spesa. Un aumento del 20% potrebbe essere sostenibile. Sentir parlare di standard europei è una cosa che fa venire il voltastomaco. Il reddito medio dei Paesi mitteleuropei è superiore mediamente del 30% a quello italiano. 25 € sono un furto. Personalmente non entrerò in nessun museo italiano che praticherà queste tariffe.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI