sabato 28 Gennaio 2023

La stampa mainstream e il World Economic Forum di Davos

Era il 3 giugno 2020, quando, durante una riunione virtuale, il fondatore del World Economic Forum (WEF), l’ingegnere ed economista tedesco Klaus Schwab, aveva invitato i leader mondiali ad abbracciare «un “Grande Reset” del capitalismo». Da allora, l’interesse crescente da parte dell’opinione pubblica ha spinto numerosi organi di stampa a provare a minimizzare, se non addirittura a insabbiare, la portata eversiva della visione di Schwab, derubricando le analisi indipendenti a banale “complottismo”. 

Lo spazio attribuito dai quotidiani mainstream al Grande Reset, a partire dal Time, mostra come, diversamente da quanto insinuato da alcuni debunkers, non si tratti di una teoria della cospirazione: al contrario, ci troviamo dinanzi a un progetto ben documentato, basato su analisi, saggi – tra cui le stesse opere di Schwab – e documenti inoppugnabili.

Diversi media di massa, con un notevole coordinamento collettivo, si sono stretti come una testuggine romana attorno al WEF. La fanteria digitale ha provato a difendere il Forum di Davos dagli attacchi anche in Italia, con una sequela di articoli volti a denigrare chiunque accennasse al Grande Reset, puntando alla consueta accusa di “cospirazionismo”: da Huffingtonpost (« “The Great Reset” si è trasformato nell’ennesima teoria cospirazionista costruita e divulgata dalla composita galassia complottista che abita le nostre democrazie») a Open («[…] la teoria cospirativa del Great Reset è parte dell’ideologia di estrema destra che anima il movimento QAnon»), arrivando a la Repubblica con un pezzo dal titolo che non ha bisogno di commenti: “La teoria del Grande Reset, l’ultima follia delle cospirazioni che impazzano sul web”.

Ora che è in corso la riunione invernale del WEF, anche la prestigiosa agenzia di stampa Associated Press, AP, è intervenuta con un lungo articolo, liquidando come «bizzarre affermazioni» il crescente coro di coloro che stigmatizzano le élite tecnocratiche riunite a Davos. AP, infatti, ha interpellato alcuni “esperti” di disinformazione, tra cui Alex Friedfeld, un ricercatore dell’Anti-Defamation League e Kathleen Hall Jamieson, direttrice dell’Annenberg Public Policy Center presso l’Università della Pennsylvania, secondo cui le teorie del complotto intorno a Davos non sono solo fake news ma sarebbero anche pericolose, in quanto rischierebbero di degenerare nell’estremismo e in azioni violente

I colleghi di AP paiono più preoccupati a salvaguardare l’incolumità dei membri di Davos anziché a smascherare il progetto di riconfigurazione antropologica e di rifeudalizzazione della nostra società da parte di costoro.

Eppure, dai tempi de La crisi della democrazia, i piani della tecnocrazia vengono divulgati alla luce del sole. Nel suo La quarta rivoluzione industriale, Schwab descrive uno stravolgimento globale della nostra società in una direzione post-umana che «combina diverse tecnologie, dando luogo a cambi di paradigma senza precedenti» in quanto il suo ambito di applicazione «include anche lo sviluppo simultaneo di tantissime innovazioni nei settori più disparati, dal sequenziamento del DNA alla nanotecnologia, dalle energie rinnovabili all’informatica quantistica».

L’Agenda del Grande Reset è infatti composta da diversi punti cruciali che possiamo riassumere in: globalizzazione, decarbonizzazione, digitalizzazione, Intelligenza Artificiale e automazione, moneta digitale, Internet delle cose, identità digitale e biometrica, robotica avanzata, sharing economy, capitalismo della sorveglianza e, in definitiva, il transumanesimo con potenziamento umano, ibridazione uomo-macchina, biologia di sintesi, editing genomico, xenotrapianti e molto altro ancora. Dietro la maschera dell’utopia e dell’ecologismo propugnati dal WEF, ci troviamo dinanzi all’ennesima distopia elitaria che prevede una sostanziale erosione dei redditi della classe media per consentire sia la riduzione di consumi ed emissioni, sia un’uguaglianza di reddito che si traduce in un livellamento verso il basso, con conseguente aumento del divario tra super ricchi e super poveri, confermato dall’ultimo rapporto Oxfam

Non è cospirazionismo denunciare che il sogno delle élite di Davos è rafforzare la governance globale e dividere la società in due livelli: da una parte il potere economico detenuto da una ristretta cerchia tecno-finanziaria di paperoni, dall’altra la “massa” indistinta di individui sempre più poveri, senza diritti e senza radici, facili da sfruttare e controllare per il nuovo ordine post-umano che si sta costruendo. Grazie anche all’apatia e alla connivenza della stampa.

[di Enrica Perucchietti]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Eh ma io giro il mondo e solo in itaglia il popolo accetta tutto. Anche in Europa..in Francia ed in Inghilterra fanno scioperi di massa, bloccano tutto e le cose cambiano.
    Ma la vera vergogna sono i sindacati. Soprattutto la Cgil. Io mi chiedo come sia possibile che Landini sia rimasto al suo posto. Ed ancora lo lasciano parlare!
    Per non parlare dei mezzi di informazione. Ma lo volete capire che solo in Italia fra i Paesi “democratici” vige una situazione simile? Si sparla del Brasile, ad esempio..parlavo l’altro giorno su un volo per l’Asia con dei brasiliani. Non ci credevano quandoi ho detto loro cosa succede in Italia a proposito dell’Informazione..mi dicono persino in Brasile vi siano diverse testate contro il Mainstream..qui è veramente una cosa da pazzi. Gravissima.
    Auguri a tutti voi che non fate abbastanza per combattere i nuovi fascisti.

  2. La cosa agghiacciante rimane il fatto che la maggior parte delle persone di qualunque età accetta tutto in modo acritico pur vedendo la propria vita peggiorare in modo tangibile. Purtroppo le élite sono ahimè sempre dieci passi avanti e riescono a far accettare al popolo cose ignobili. Mi chiedo sempre se come nei film di fantascienza esista una resistenza che riesca a fermare tutto ciò.

  3. 2 Timoteo 3:1-5
    “Ma sappi questo: negli ultimi giorni ci saranno tempi difficili. Infatti gli uomini saranno egoisti, attaccati al denaro, gradassi, superbi, bestemmiatori, disubbidienti ai genitori, ingrati, sleali, snaturati, non disposti a nessun accordo, calunniatori, senza autocontrollo, spietati, senza amore per la bontà, traditori, testardi, pieni d’orgoglio, amanti dei piaceri piuttosto che di Dio, persone con una parvenza di religiosità, della quale però rinnegano il potere; da loro allontànati”.

    Aggiungere altro con l’intento di delineare la situazione, sarebbe decisamente inessenziale e superfluo.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI