giovedì 1 Dicembre 2022

Migranti, Grecia, Malta e Cipro con l’Italia: parte la lettera a Bruxelles

I ministri dell’Interno di Malta, Grecia e Cipro, insieme all’Italia, hanno scritto una lettera indirizzata alla Commissione europea per esprimere il proprio rammarico per il mancato rispetto degli accordi europei di redistribuzione dei migranti tra i Paesi membri. La mossa segue la disputa che ha avuto luogo tra Italia e Francia la scorsa settimana riguardo lo sbarco di alcune centinaia di migranti, che ha portato a uno strappo diplomatico tra i due Paesi e ha richiesto l’intervento di Bruxelles, che fisserà (con ogni probabilità già la prossima settimana) un vertice con i ministri dell’Interno dei Paesi membri per discutere della questione migratoria.

I quattro Paesi firmatari della lettera costituiscono, per la propria posizione geografica, un naturale punto di primo approdo per tutti quei migranti che, partiti dal nord dell’Africa, sperano di poter fare ingresso in Europa (si tira indietro la Spagna, la quale ritiene che in questo modo verrebbe premiato “chi non rispetta gli obblighi del diritto internazionale”). Proprio per alleviare la pressione su questi Paesi sono stati siglati una serie di accordi internazionali, che prevedono la collaborazione tra gli Stati europei mediante un’equa ricollocazione dei richiedenti asilo. Tuttavia, lamentano i ministri nella missiva, il meccanismo è “lento” e farraginoso, motivo per il quale solamente “una frazione molto esigua di arrivi irregolari” viene redistribuita tra gli altri Paesi europei. Viene quindi ribadita “la necessità di sviluppare una nuova politica europea in materia di migrazione e asilo, realmente ispirata ai principi di solidarietà e responsabilità, e che sia equamente condivisa tra tutti gli Stati membri”. La mancata collaborazione degli altri Stati europei, dichiarano, costituisce un fatto “increscioso e deludente”, dal momento che “i nostri Paesi devono affrontare sempre più frequentemente una pressione migratoria che sta mettendo a dura prova il nostro sistema di asilo e di accoglienza”.  Non manca anche un attacco alle navi delle ONG, in quanto “Non possiamo sottoscrivere l’idea che i Paesi di primo ingresso siano gli unici punti di sbarco europei possibili per gli immigrati illegali, soprattutto quando ciò avviene in modo non coordinato sulla base di una scelta fatta da navi private, che agiscono in totale autonomia rispetto alle autorità statali competenti”. La richiesta è quindi che “ogni Stato” eserciti “la giurisdizione e il controllo” sulle navi battenti la propria bandiera e che sia rivista l’attività delle navi delle ONG affinché questa sia coordinata e realizzata “nel rispetto delle convenzioni” internazionali.

Riguardo tutte le questioni elencate viene chiesta una “discussione seria”, che Bruxelles potrebbe fissare già per la prossima settimana. Di certo vi è il fatto che la legislazione europea è estremamente confusionaria, permettendo agli Stati di prendere decisioni guidate più dalla volontà politica che dagli obblighi legislativi internazionali. Intanto, in un’intervista rilasciata a Le Parisien, la ministra degli Esteri francese Catherine Colonna sottolinea come «L’Italia non rispetta né il diritto internazionale né quello marittimo», mettendo in atto dei «metodi inaccettabili» di gestione del fenomeno migratorio. Il quale si configura sempre più come una disputa squisitamente politica, giocata sulla pelle degli esseri umani.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. Il problema migratorio in atto è un problema che interessa l’intero paese a prescindere dal colore politico, inproblemi sono tanti e non credo che il governo precedente li abbia risolto o contenuti, al di là della reprimenda francese (da che pulpito viene la predica) fa ancora più specie constatare come una parte faziosa del paese faccia il tifo per i transalpini.

  2. Premetto che non amo assolutamente né l’attuale governo né tantomeno la modalità di gestione degli sbarchi e di come viene vista la tematica dell’immigrazione ma che la Francia si permetta di fare la voce grossa proprio non mi và…è il “bue che da del cornuto all’asino”…sono anni che lavoro con i migranti e so come si comporta la polizia di frontiera francese, è vergognoso e raccapricciante e soprattutto chiederei a Macron e compagnia bella di ristudiarsi un po’ la situazione africana e farsi un mea culpa per quello che ha prodotto la loro politica coloniale (e post-coloniale)…

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI