giovedì 1 Dicembre 2022

Sulla questione migratoria il problema è l’Unione Europea

Nella tarda serata di martedì 8 novembre, il Governo Meloni ha acconsentito a far sbarcare sul territorio italiano tutti i migranti soccorsi nei giorni precedenti nel Mediterraneo, bloccati su quattro navi guidate da ONG. Prima dell’ok definitivo, l’esecutivo si è a lungo opposto alla discesa dei rifugiati sulla terra ferma, riprendendo in mano quella strategia dei “porti chiusi” messa in campo dall’ex ministro degli Interni e attuale Ministro dei Trasporti, Matteo Salvini.

Il processo decisionale dell’Amministrazione è stato graduale ed è cambiato più volte. È partito da un “no” categorico...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. Quel che è certo, perché sotto gli occhi di tutti è il degrado ecologico degli ambienti naturali con il massiccio inquinamento di acqua, terra e aria con sostanze tossiche, in primis, per l’essere umano. Dunque, al di là dell’ “emergenza climatica”, la distruzione degli ecosistemi è innegabile. Allo stesso tempo, proprio perché non dobbiamo dividere il mondo in bianco e nero o ridurre tutto ad un codice binario di zero e di uno, non si può che comprendere gli enormi dubbi che le persone si pongono su mirabolanti progetti, promesse utopiche, approcci paternalistici e forzature di linguaggio. A maggior ragione quando il “cambiamento” dovrebbe essere portato da chi la situazione da cambiare l’ha creata: in altre parole, quando la soluzione al problema viene proposta proprio da chi questo problema lo ha generato. Risulta quindi lecito coltivare dubbi e resistenze rispetto alla narrazione di coloro che adesso sostengono lo “sviluppo sostenibile” ma che hanno guidato il mondo insostenibile fatto di sfruttamento della natura e dell’uomo, da cui hanno tratto immensi profitti. Quindi, perché il potere capitalistico, dopo decenni nei quali ha ostinatamente negato ogni problema ecologico dato dal sistema produttivo e contrastato ogni azione per l’ambiente, ora “picchia” così costantemente sullo “sviluppo sostenibile” affinché si risolvano i problemi ecologici? Strutture come la Alliance of CEO Climate Leaders rendono chiaro l’obiettivo: generare elevati rendimenti dalle attività a minori emissioni. È questa l’anima green di quella che le élite chiamano Quarta rivoluzione industriale. Cucinare una nuova torta miliardaria, pagata dagli Stati e quindi dai cittadini, le cui fette saranno spartite dai soliti colossi del capitalismo finanziario ed estrattivo.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI