sabato 10 Dicembre 2022

1948: Una ricerca fa luce sulla guerra batteriologica di Israele

Per decenni in Israele si è discusso dell'utilizzo di agenti chimici e batteriologici a danno delle popolazioni civili arabe durante la prima guerra arabo-israeliana del 1948. Chi sollevava la questione veniva solitamente bollato come diffusore di dicerie e propaganda araba. Benny Morris, della Ben-Gurion University, e Benjamin Z. Kedar, dell'Università Ebraica di Gerusalemme, hanno condotto una ricerca basata su una moltitudine di materiale d'archivio che ha potuto, insieme alle molte testimonianze già conosciute, dimostrare l’attuazione della guerra batteriologica da parte delle forze israel...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

  1. Ilan Pappe, uno storico ebreo, nel suo libro “La Pulizia Etnica della Palestina”, dice che altro alle espulsioni dei palestinesi ci sono stati tante uccisioni e poi dei veri e propri massacri e la demolizione di interi villaggi. Dopo questo orrore i profughi, non bastassero le difficoltà per trovare accoglienza in uno dei paesi vicini, continuarono a essere oggetto di ulteriori violenze e addirittura di nuovi massacri da parte degli israeliani, come è successo nei campi profughi di Sabra e Chatila nel 1982, dove sono stati trucidati qualche migliaio di persone tra i quali molti vecchi, donne e bambini.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI