giovedì 1 Dicembre 2022

Gli USA dispiegano la 101ª divisione aviotrasportata al confine con l’Ucraina

Gli Stati Uniti hanno dispiegato in Europa la 101ª divisione aviotrasportata per la prima volta dalla Seconda guerra mondiale: i 4.700 soldati della divisione erano stati schierati in Romania già dallo scorso luglio, ma pochi giorni fa, in un’intervista alla CBS News, il comandante della seconda Brigata Combat Team, il colonnello Edwin Matthaidesse, ha affermato che i soldati sono «pronti a combattere la prossima notte se c’è un’escalation militare o un attacco alla NATO». Il vicecomandante della divisione, il generale di brigata John Lubas, ha aggiunto che le forze USA sono pronte «a difendere ogni centimetro del terreno della NATO». «Abbiamo capacità uniche, come le nostre capacità di attacco aereo. Siamo fanteria leggera, ma ancora una volta portiamo con noi questa mobilità per i nostri aerei e capacità di attacco aereo», ha spiegato Lubas. Il rischio di un conflitto diretto tra Russia e Nato diventa in questo modo sempre più concreto, sebbene non vi siano prove della volontà imminente o a medio termine di Mosca di voler attaccare un territorio Nato: ciò, infatti, non risulta né dalle dichiarazioni del Cremlino né da fonti di intelligence occidentali. Si tratta, dunque, di un’azione che aggiunge un nuovo gradino all’escalation tra Mosca e l’Occidente.

I soldati della 101ª divisione aviotrasportata, nota come “Aquile urlanti”, sono stati schierati nella base aerea rumena di Mihail Kogalniceanu a luglio. Si tratta di una delle divisioni d’assalto aereo più prestigiose degli Stati Uniti. Il loro trasferimento avviene per la prima volta dalla Seconda guerra mondiale, quando la divisione partecipò al più grande sbarco anfibio alleato della storia in Normandia il 6 giugno 1944. L’unità è addestrata per schierarsi su qualsiasi campo di battaglia in poche ore. «In tutto, circa 4.700 soldati della 101ª base aviotrasportata a Fort Campbell, nel Kentucky, sono stati schierati per rafforzare il fianco orientale della NATO», ha osservato CBS News, citata dall’agenzia russa Tass.

Soldati della 101ª divisione aviotrasportata USA in azione in Afghanistan nel 2011

All’arrivo dell’esercito americano alla base aerea di Mihail Kogalniceanu, la scorsa estate, era seguita una cerimonia solenne al termine della quale si era svolta un’esercitazione congiunta con i soldati rumeni utilizzando elicotteri d’attacco, artiglieria, mitragliatrici e carri armati come dimostrazione di forza. La stampa americana ha definito l’esercitazione un chiaro segnale alla Russia e agli alleati americani della NATO che l’esercito americano era nelle vicinanze. I comandanti della divisione, inoltre, hanno dichiarato la disponibilità delle truppe statunitensi ad entrare nel territorio dell’Ucraina, qualora fosse necessario, nonostante l’Ucraina non sia parte dell’Alleanza atlantica.

Gli Stati Uniti stanno aumentando le truppe sul suolo europeo e in particolare sul fianco orientale della Nato ai confini coi territori russi, ucraini e bielorussi: alla base polacca di Kosciuszko, infatti, è apparsa la prima presenza militare permanente degli Stati Uniti: si tratta del quinto Corpo d’armata responsabile della direzione delle manovre dei soldati in Europa. Tutto evolve ed è predisposto, dunque, non per una de-escalation, ma per un’intensificazione dello scontro, quantomeno a livello dell’innalzamento della minaccia diretta e della preparazione ad ogni evenienza, in uno scenario per certi versi analogo alle minacce sull’utilizzo di armi nucleari avviato nelle settimane scorse.

[di Giorgia Audiello]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

6 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI