mercoledì 7 Dicembre 2022

Vaccini Covid: la Procura Europea apre un’indagine sui contratti con Pfizer

La Procura europea ha aperto un’indagine sugli acquisti di vaccini anti-Covid 19 da parte dell’UE. L’avvio dei lavori fa seguito a “un interesse pubblico estremamente elevato”, scrive l’organo in un comunicato senza fornire ulteriori dettagli sulle indagini in corso. Così, Bruxelles torna sotto i riflettori giudiziali a quasi un anno di distanza dallo scandalo che ha coinvolto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e l’amministratore delegato di Pfizer Albert Bourla, accusati di aver trattato tramite chiamate e sms una fornitura di 1,8 miliardi di dosi di vaccino anti-Covid. Allora ci fu l’interessamento della mediatrice europea, Emily O’Reilly, ostacolata nei lavori dalla mancata collaborazione di Commissione e Pfizer; adesso, l’interessamento della Procura potrebbe segnare un punto di svolta nella storia che ricostruisce il legame tra l’Unione europea e la multinazionale statunitense.

La Procura europea è un organismo comunitario indipendente incaricato di indagare, perseguire e portare in giudizio i reati che ledono gli interessi finanziari dell’UE, quali frodi, corruzione e riciclaggio. L’organo ha deciso di avviare un’inchiesta per far luce sull’acquisto dei vaccini anti-Covid da parte dell’Unione europea, raccogliendo una sorta di eredità ideologica proveniente dal Mediatore, che da un anno indaga sugli scambi informali lungo l’asse von der Leyen-Bourla. Se l’esito delle indagini del Mediatore ha valore di raccomandazione (atto non vincolante), quelle svolte dalla Procura possono condurre all’esercizio dell’azione penale e dunque all’espletamento delle funzioni di Pubblico Ministero davanti agli organi giurisdizionali competenti, fino alla pronuncia del provvedimento definitivo.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI