mercoledì 24 Luglio 2024

Bollette, da inizio anno 5 milioni di italiani hanno saltato i pagamenti

Da mesi, il caro energia e l’inflazione stanno mettendo in difficoltà milioni di famiglie e imprese italiane, ritrovatesi con un minor potere d’acquisto da esercitare sul mercato. Tra le mancanze e i ritardi delle misure istituzionali, una su tutte il price gap promesso da Bruxelles, si è inserita un’estrema iniziativa privata: il salto dei pagamenti. Negli ultimi nove mesi, infatti, 4,7 milioni di italiani non hanno pagato una o più bollette di luce e gas. A rivelarlo è l’indagine commissionata da Facile.it agli istituti mUp Research e Norstat. Con l’inverno alle porte e la corsa dei prezzi lontana da un arresto, i numeri sono destinati a crescere. Come si legge all’interno dello studio, 3,3 milioni di italiani potrebbero trovarsi nell’impossibilità di far fronte alle prossime bollette energetiche in caso di ulteriori rincari.

Il caro energia è passato dall’essere “un’anomalia passeggera” a emergenza, così come dimostra il quadro delineato dall’indagine mUp Research-Norstat. Per i due terzi degli italiani che non hanno pagato una o più bollette di luce e gas negli ultimi nove mesi si è trattato di una novità, resa inevitabile a causa dell’aumento dei prezzi. Per lo stesso motivo, da gennaio circa 2,6 milioni di italiani hanno saltato il pagamento di una o più rate condominiali. La pubblicazione dell’indagine relativa alle conseguenze del caro-energia si inserisce in un clima teso e di proteste. A ottobre, si è registrata una crescita del movimento “noi non paghiamo” (sulla scia dell’iniziativa britannica “Don’t pay”) in termini di consensi e partecipazione. Centinaia di persone sono scese nelle strade italiane per esprimere il proprio dissenso verso le politiche e le misure del governo, incapaci di contrastare il rincaro energetico.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI