mercoledì 7 Dicembre 2022

Come ridurre gli sprechi in azienda

L’aumento dei costi per l’energia e le materie prime sta mettendo in luce un problema atavico, ma spesso sottovalutato da parte degli Imprenditori. Ovvero l’impatto degli sprechi nell’economia aziendale.

Il primo problema è legato innanzitutto alla definizione di “spreco”.

In pochi, infatti, concepiscono il fatto che ogni azione che non porti un reale valore aggiunto per l’azienda ed il cliente, può rappresentare un potenziale spreco.

Quindi in questa definizione rientrano una serie di situazioni molto abituali in un’azienda, che nessuno più vede come “anomale”: tempi morti, incomprensioni comunicative, scarsa chiarezza dei ruoli, conflitti interni, mancanza di procedure chiare, obiettivi vaghi o mai definiti, demotivazione, strumenti non aggiornati, competenze tecniche mediocri e tanto altro (ce ne sono un centinaio).

Ciascuna di queste situazioni potremmo paragonarle ad una puntura di spillo fatta ad un tubo di gomma, utilizzato per innaffiare. Da ciascun micro foro uscirebbero lentamente solo poche gocce d’acqua, ma alla fine della giornata (o di un mese, o di un anno) ci accorgeremmo di quanta acqua abbiamo inutilmente buttato via.

La prima cosa da fare, quindi, sarebbe prendere consapevolezza di quanti sprechi abbiamo in azienda, spesso piccoli ma ripetuti nel tempo. E iniziare a quantificare il danno in termini economici.

Quanto ci costa una non conformità? O un collaboratore bravo che se ne va a causa del pessimo clima in azienda? O un’incomprensione comunicativa che produce un errore in produzione? O il dover rifare un lavoro a causa della mancanza di procedure chiare?

Se iniziassimo a fare questo calcolo ci accorgeremmo di quanto questi sprechi impattano sulla marginalità, e di conseguenza sugli utili a fine anno.

Spesso i nostri migliori collaboratori sanno perfettamente dove si trovano questi sprechi, ma nessuno ha il tempo o l’umiltà per andarglielo a chiedere.

Eppure basterebbe questo per intraprendere una serie di azioni correttive, finalizzate a rendere più efficienti le persone e più gratificante il lavoro di tutti.

[di Fabrizio Cotza]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI