martedì 27 Settembre 2022

Venezia, gli ambientalisti caricati con gli idranti alla mostra del cinema

Ieri pomeriggio, sotto i riflettori della Mostra del Cinema di Venezia, la polizia ha caricato violentemente i manifestanti della Climate March, una marcia che chiede “giustizia climatica senza se e senza ma”.

Il corteo – partito alle 17 dal piazzale Santa Maria Elisabetta e composto da 2000 manifestanti – si è mosso pacificamente in direzione Red Carpet, finché gli agenti in tenuta antisommossa gli hanno impedito il passaggio a suon di idranti e manganellate. Nonostante la carica della polizia, gli attivisti e le attiviste hanno tentato di resistere in maniera composta, utilizzando dei gonfiabili a forma di pesce e degli scudi di plastica su cui è stato dipinto il fondale marino.

Non è stato possibile alcun tipo di mediazione. A nessuna delegazione è stato permesso di avvicinarsi all’entrata della Mostra del Cinema.

«Quello che è successo è l’ennesima conferma dell’oppressione che lo Stato, mosso da interessi economici e di profitto di carattere privato, esercita ogni giorno sui corpi dissidenti che cercano uno spazio di libertà. Ma quella di oggi è stata una grande giornata, che ha visto persone da tutto il mondo riunirsi per prendersi la legittimità che meritano e resistendo a questa repressione.» Così, tramite un comunicato, il Venice Climate March ha commentato l’accaduto.

L’iniziativa è stata promossa da Rise Up 4 Climate Justice e Fridays For Future Venezia/Mestre ed ha trovato ascolto in centinaia di partecipanti provenienti da tutta Italia e anche da Paesi Europei. Tutti con il medesimo obiettivo: mettere in luce la loro lotta contro un sistema economico che ha fallito su clima, diritti e lavoro. Alleanza Verdi Sinistra e Unione popolare sono stati gli unici partiti ad aver aderito alla manifestazione.

«Tre anni fa, quando abbiamo occupato il tappeto rosso – racconta Sebastiano di Fridays For Future – c’era ancora qualcuno che negava l’evidenza scientifica dei cambiamenti climatici. Oggi queste stesse persone hanno adottato una tecnica diversa: far passare le peggiori scelte per il clima come ecosostenibili. (…) Questo è quanto volevano denunciare portando la questione della giustizia climatica sotto i riflettori delle mostra del cinema. Le cariche della polizia ce lo hanno impedito ma non possono impedirci di continuare a lottare: ricordiamo a tutte e tutti lo sciopero mondiale per il clima che i Fridays For Future hanno proclamato per il prossimo 23 settembre. È una lotta alla quale non possiamo rinunciare perché non abbiamo possibilità di scelta. Non abbiamo un pianeta B».

[di Iris Paganessi]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. L’unica scelta che abbiamo è il boicottaggio! Questi criminali ascoltano solo il dio denaro, perciò non andate più al cinema, non sottoscrivete abbonamenti a servizi di streaming o simili, non date soldi all’industria del cinema come alle altre attività gestite dalle multinazionali, per quanto possibile, piratate tutto, non acquistate nulla da loro!!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI