venerdì 12 Agosto 2022

Coprifuoco e più carbone: Draghi mette a punto il piano di emergenza per l’energia

Sull’onda del crescente timore di un eventuale stop definitivo all’erogazione del gas verso l’Europa da parte della Russia, il governo Draghi starebbe lavorando ad un piano di emergenza da attivare in inverno in caso di chiusura dei rubinetti. A riportare l’indiscrezione sono diversi quotidiani nazionali, secondo cui il piano prevedrebbe non solo interventi sul riscaldamento domestico e sull’illuminazione nelle città, ma anche un maggiore utilizzo delle centrali a carbone e l’ipotesi coprifuoco per uffici pubblici, negozi e locali.

L’Italia al momento è in stato di pre-allarme, il primo di tre livelli emergenziali. Come sottolineato dal quotidiano La Repubblica, però, se si dovesse entrare effettivamente in fase d’emergenza, fino a quando il gas russo non dovesse essere sostituito da forniture provenienti da altri paesi produttori verrebbero attuate tutta una serie di misure. Tra queste, innanzitutto il maggior utilizzo delle centrali a carbone per la produzione di elettricità – la cui chiusura era prevista per il 2025 e che nelle ultime settimane hanno già coperto l’8% di fabbisogno di energia elettrica – oltre alla interruzione per un periodo limitato delle forniture alle industrie più energivore, come cementifici ed acciaierie.

Da citare poi la riduzione dei consumi: ai limiti già imposti alle temperature negli uffici pubblici, che non potranno essere superiori ai 19 gradi di inverno e inferiori ai 27 d’estate fino al 30 aprile 2023, potrebbero aggiungersi quelli relativi alle abitazioni e agli uffici privati, cui si potrebbe chiedere di ridurre di 2°C la temperatura dei termosifoni. Vi sarebbe poi la fissazione di paletti relativi alle ore di accensione durante la giornata, mentre per quanto concerne la questione illuminazione pubblica dovrebbero essere spenti i lampioni sulla rete stradale cittadina ed extra-urbana, così come dovrebbe scattare il “coprifuoco” per l’illuminazione di monumenti ed edifici storici.

Il concetto di “coprifuoco” dunque sembrerebbe tornare ad essere al centro delle misure imposte dal governo, e non consisterebbe solo in uno stop all’illuminazione ma anche in vere e proprie chiusure anticipate. Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Messaggero, infatti, in casi estremi gli uffici pubblici potrebbero dover chiudere alle 17:30, i negozi alle 19:00 ed i locali alle 23:00. I fantasmi del passato quindi sembrano riaffiorare, con alcune delle restrizioni già imposte durante l’emergenza sanitaria che potrebbero tornare ad essere attuali sull’onda di una nuova emergenza, quella energetica.

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

8 Commenti

    • Alcune di queste proposte sono piuttosto sensate. Case, negozi e aziende con temperature tropicali in pieno inverno ed illuminazione (piacevole si, ma fondamentalmente inutile) dei monumenti nelle ore notturne, sono cose a cui si potrebbe serenamente rinunciare. Per quanto riguarda negozi ed uffici, quelli sono orari civilissimi, gli stessi che avevano tutti, in Italia, fino a 15-20 anni fa. Sono anche gli orari della maggior parte degli esercizi in Germania, dove l’apertura domenicale poi non è nemmeno contemplata. Si vive bene lo stesso. Signori, un po’ di spirito pratico: smettiamo di indignarci perché ci viene limitato il superfluo, pensiamo ai fondamentali. Morti in carcere, inflazione devastante, nuove schiavitù, declino della democrazia, erosione delle libertà personali: limitazioni alla vita dei cittadini ben più pericolose che avere 18 gradi in casa d’inverno.

  1. Questo scenario era annunciato da tempo… ci hanno pure preparati producendo vari film…(mancano solo gli zombie)
    I complottisti non hanno più invenzioni da fare, sono disoccupati…è tutto vero e dimostrato:
    – USA e Cina , o forse USA in Cina prepara virus vari, vaccini e test da vendere in tutto il mondo…(c’è qualche dubbio?)
    – USA-NATO crea la scintilla per innescare la guerra in Ucraina…
    – USA ci vende gas liquefatto a prezzo doppio
    – aumenta il debito sulle nazioni europee
    – aumenta temperatura e carbonio nell’atmosfera
    – saltano tutti gli accordi (veri o meno) sulla gestione ecologica
    – non parliamo dei paesi poveri, dove la situazione sta precipitando
    Ma c’è una notizia positiva:
    questa fase di accelerazione aggressiva del neoliberismo che produce il disastro è sempre più evidente, per molti, se non per tutti.
    E’ forse la prima volta nella storia.

    https://www.youtube.com/watch?v=L5JGg2HMWIQ&t=26s (varie interviste su genesi virus)
    https://www.youtube.com/watch?v=yldYrPfPw3U (esercitazioni NATO)

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI